e loro vivono in una gabbia d'oro"" /> e loro vivono in una gabbia d'oro""> "In questi quartieri non c'è niente <br>e loro vivono in una gabbia d'oro"
Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
martedì, 22 agosto 2017

"In questi quartieri non c'è niente
e loro vivono in una gabbia d'oro"

La Taverna (M5s) a Palermo per sostenere Forello: "Il Pd che ha sporcato Roma per 40 anni e ora viene a pulirla mi dà il vomito"

PALERMO - Tutta la dirompenza di Paola Taverna. La senatrice del Movimento 5 stelle si è presentata a Palermo per sostenere la candidatura di Ugo Forello alla poltrona di sindaco. "Qualunque cosa diciamo ormai è populismo - sbotta -. Se parli di lavoro sei populista, se parli di sanità sei populista, ma allora di che cosa dobbiamo parlare? Di quanto sono stati bravi? Loro di cosa parlano? Parlano di banche, di alta finanza, parlano dell'Europa. E noi? Noi viviamo sempre qui, in quartieri dove l'Europa non arriva, anzi quello che è arrivato dell'Europa ha fatto male. Vivi in quartieri dove le scuole non ci sono più, dove i presidi sanitari non ci sono più. Non c'è l'attenzione di sapere cosa serve alle persone. E come si fa a parlare di cosa serve alle persone se stanno in una gabbia d'oro?". 

Sul palco nel quartiere Borgo Nuovo la Taverna si è scagliata contro l'iniziativa del Pd a Roma: "Il pensiero che chi ha governato la mia città (Roma ndr) per quarant'anni, e l'ha distrutta e l'ha sporcata e l'ha fatta diventare uno schifo, oggi venga a pulirmela mi dà il vomito. Me lo dovete consentire. Ma come ti permetti? Me l'hai rovinata... Sono nove mesi che non sappiamo quanto è sporco tutto quello che hai fatto, tu ti prendi una scopetta e vai a pulire due strade…? Ma che persone sono? Ma chi l'ha fatto tutto questo? E' colpa del M5s? Stiamo da quattro anni in parlamento".

Accanto alla senatrice il deputato regionale Giancarlo Cancelleri. "Il Movimento nazionale è qui a Palermo con Paola Taverna per stoppare tutte le polemiche e sostiene il nostro candidato e la nostra lista e tutti i nostri candidati. Chiacchiere basta". Cancelleri ha annunciato che il vicepresidente della Camera Luigi Di Maio sarà in Sicilia il 25, 26 e 27 maggio e durante la tre giorni è prevista una tappa a Palermo, mentre nel capoluogo siciliano il 4 giugno è prevista la presenza del deputato nazionale del M5s Alessandro Di Battista. "Non diamogliela vinta - dice Cancelleri - a quegli altri che si sono svenduti tutto non solo a Palermo e oggi si ripresentano senza i simboli di partito coperti da una foglia di fico".

Il M5s nell'occasione ha presentato una proposta "a costo zero da realizzare nel quartiere Borgo Nuovo, dove tra via Tindari e via Pantalica, a pochi passi dal capolinea del tram, fino a venerdì scorso c’era uno spazio di circa 30 mila metri quadrati abbandonato con erbacce alte quasi 60 centimetri. Oggi l’intera area è stata ripulita; è stato necessario l’intervento del Comune ma anche quello di una trentina di attivisti che ieri con in mano sacchi e rastrelli l'hanno ripulita. Per restituire un’anima a una zona dimenticata della città, che il M5s ha già ribattezzato Parco Tindari, è bastato poco: quattro gazebo, un'area giochi per i più piccoli e una rete da pallavolo".



Per tutta la mattinata le famiglie palermitane hanno potuto trascorrere una giornata all’aria aperta riappropriandosi di uno spazio pubblico. “Da vent’anni questo luogo è abbandonato - ha detto Forello dal palco allestito nel parco -, vogliamo farlo vivere attraverso percorsi partecipativi. Quello di Parco Tindari sarà uno dei primi parchi di quartiere che l’amministrazione 5 stelle realizzerà quando governeremo Palermo. E la formula che proponiamo è quella dei patti di collaborazione con i cittadini. Questo parco sarà del quartiere, dei cittadini e delle associazioni del quartiere, che dovranno curarlo e gestirlo. Dobbiamo rialzare la testa e non permettere più che molte zone della città versino in stato di incuria e di abbandono. Non è più accettabile che le periferie siano dimenticate, nella nostra idea di città devono diventare nuovi centri”.




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.