Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
martedý, 23 maggio 2017

Indipendenti, salviniani e cuffariani
a Palermo una poltrona per 7

Solo uno degli aspiranti sindaci ha presentato la lista, gli altri hanno tempo fino a mercoledý. Ecco chi sono e quali guai devono superare

PALERMO - Con la presentazione delle liste negli uffici comunali è entrata nel vivo la campagna elettorale per le amministrative dell'11 giugno a Palermo. Sono sette gli aspiranti sindaci, solo uno però lo è in maniera ufficiale perché ieri, primo giorno utile, è stata depositata la lista che lo sostiene: l'architetto indipendente Ciro Lomonte, lanciato dal movimento 'Siciliani liberi'.

Gli altri hanno tempo fino a mezzogiorno di mercoledì prossimo per depositare gli elenchi dei candidati con allegati il programma e almeno la metà degli assessori designati. Una questione non da poco in casa di Leoluca Orlando, l'uscente, sul quale sono in pressing il Pd e Sinistra comune che vorrebbero una squadra di assessori politici; il confronto è in corso, il professore potrebbe rompere gli indugi nel giro di 48 al massimo.

Dopodomani presenterà le sue liste civiche Fabrizio Ferrandelli, che è sostenuto, oltre che dal movimento dei 'Coraggiosi', da Forza Italia e Cp-Pid, partito dei 'cuffariani': lui i nomi dei primi assessori in pectore li ha già fatti.

Per Ugo Forello, scelto con le 'comunarie' dai 5 stelle, i problemi finora sono arrivati dal fuoco amico grillino sulla scia dell'inchiesta firme false della Procura; il candidato però ha incassato la fiducia di Beppe Grillo che l'ha incitato ad andare avanti.

Tra qualche giorno arriverà a Palermo Matteo Salvini che appoggia il candidato Ismaele La Vardera, sostenuto pure da 'Fratelli d'Italia' e dalla lista 'Centro destra per Palermo". In campo anche Nadia Spallita, attuale vice presidente del consiglio comunale, spesso in polemica con la giunta Orlando: con lei si sono schierati i Verdi.

Altro indipendente in corsa è l'avvocato Francesco Messina, appoggiato dalla lista "Centro riformista". Con la riforma degli enti locali, approvata dall'Assemblea siciliana, i posti nel consiglio comunale sono 40: uno sarà assegnato al candidato sindaco che arriva secondo se otterrà almeno il 20% delle preferenze. I candidati ai posti di consiglieri sono circa 800.




Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.