Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
martedý, 24 ottobre 2017

Pubblicato: 13/05/2017

Una barca di giochi per i migranti

Ragusa. Iniziativa di polizia e Croce rossa: doni ai bimbi sbarcati negli ultimi giorni

RAGUSA - La Polizia di Ragusa e i volontari della Croce Rossa Italiana hanno portato a termine la seconda edizione del progetto "Una barca di giocattoli". Nei giorni scorsi presso l’Hot Spot di Pozzallo, è avvenuta la consegna ufficiale dei giocattoli raccolti dal 26 aprile al 7 maggio 2017. La raccolta di giochi, giunta alla seconda edizione, è stata straordinaria, grazie alla generosità dei più piccoli e delle loro famiglie.





Il progetto nato nel 2014 durante uno dei numerosi sbarchi presso il porto di Pozzallo (Rg) aveva già avuto un positivo riscontro, ma quest’anno la raccolta ha superato ogni aspettativa. Quest’anno anche le scuole elementari di Ragusa hanno offerto un valido supporto per la raccolta; il provveditore di Ragusa e tutto il corpo docente delle scuole ragusane hanno raccolto i giochi anche in classe fungendo da ulteriori punti di raccolta, permettendo ai genitori di accompagnare i piccoli a scuola con il loro sacco pieno di giochi.





È stata una vera e propria corsa alla solidarietà alla quale hanno partecipato non solo i cittadini della provincia di Ragusa ma, grazie ai social network e alla pubblicazione su tutti i quotidiani on line, i giocattoli sono arrivati anche dal nord Italia in enormi scatole piene di doni. Anche altre associazioni di volontariato (l’Abio ad esempio) che quotidianamente svolgono servizio a favore dei minori, hanno partecipato offrendo numerosi giocattoli e ancora i negozi del settore che sono diventati punti di raccolta e primi benefattori.





Migliaia i giocattoli raccolti e in parte già distribuiti dai volontari e dai poliziotti durante gli sbarchi che si sono susseguiti in questi ultimi giorni. I piccoli migranti, spesso lontani dalle loro famiglie, possono così avere un’accoglienza meno traumatica.




Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.