Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
martedì, 30 maggio 2017

Pubblicato: 13/05/2017

Truffa fondi Ue per ristrutturare hotel

Gioiosa Marea. Finanziamenti indebiti per tre milioni di euro e giro di fatture false: 10 denunciati

GIOIOSA MAREA (MESSINA) - La Guardia di Finanza ha denunciato a Gioiosa Marea 10 persone per truffa aggravata finalizzata al conseguimento di erogazioni pubbliche e per emissione e utilizzo di fatture per operazioni inesistenti. Sono stati scoperti finanziamenti indebiti per oltre tre milioni di euro, oltre a un giro di fatture false per un importo complessivo superiore a due milioni e trecentomila euro.

In particolare, le Fiamme Gialle hanno sottoposto a controllo alcune imprese operanti nel settore turistico-alberghiero, che avevano percepito cospicui finanziamenti regionali e comunitari nell'ambito dei fondi a carico del Programma Operativo Sicilia - Fesr 2007/2013 con un sistema illecito di fatture per operazioni in tutto o in parte inesistenti.

I documenti, emessi da imprese assistite da un unico professionista, un commercialista di Gioiosa Marea, anch'egli denunciato, avrebbero consentito ai responsabili di giustificare all'Assessorato Regionale delle Attività Produttive della Regione Siciliana, spese in realtà mai sostenute.

In un altro caso di truffa è stata contestata l'indebita riscossione di un contributo richiesto per la ristrutturazione e il rilancio di un'attività ricettiva, per la quale il titolare della ditta, anche questa con sede a Gioiosa Marea, aveva presentato documenti relativi alle spese di ristrutturazione e acquisto di attrezzature specifiche per la ristorazione, sostenute soltanto in parte.




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.