Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
domenica, 23 luglio 2017

Quattro carabinieri per scortare Belen
il Codacons si rivolge al ministero

L'argentina al processo per Corona, l'associazione protesta: "Quanti militari ci vogliono per accompagnarla?"

PALERMO - Il Codacons ha annunciato la presentazione di un esposto alla Corte dei conti e la richiesta di chiarimenti al ministero della Difesa dopo le immagini che ritraggono Belen Rodiguez che esce dal palazzo di giustizia milanese scortata da 4 carabinieri dopo la deposizione al processo al catanese Fabrizio Corona.

"Ieri - scrive il Codacons - nel corso del processo a Fabrizio Corona per i 2,6 milioni in contanti ritrovati in parte nel controsoffitto, è stata chiamata a testimoniare anche Belen Rodriguez. Tra le tante immagini che l' hanno immortalata dentro e fuori dal tribunale, spicca l'immagine di Belen scortata da quattro carabinieri".

"Chiediamo spiegazioni in merito a quanto accaduto - spiega il Codacons -. Non abbiamo nulla contro Belen o contro la sua presenza in tribunale, desideriamo solo avere delucidazione da chi di dovere, in merito al cospicuo utilizzo del personale di giustizia solamente per accompagnare Belen fuori dal tribunale. Dopo i noti fatti di cronaca accaduti anche all'interno del Tribunale di Milano, riteniamo necessario che il personale di giustizia si occupi di garantire la sicurezza di tutti gli avvocati, magistrati e tutti i cittadini che per un motivo o per l'altro si trovano all'interno del tribunale".




Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.