Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
venerdý, 20 ottobre 2017

Pubblicato: 10/05/2017

"Ai disabili gravissimi 18.000 euro"

Firmato il decreto per l'assegno annuale ai malati siciliani. Crocetta: "A beneficiarne saranno 1.400 persone"

PALERMO - Il presidente della Regione siciliana Rosario Crocetta comunica che è stato firmato il decreto per l'erogazione dell'assegno di cura di 18.000 euro all'anno per i disabili gravissimi. "L'impegno finanziario, a partire dal primo marzo 2017, avrà effetti anche per gli anni 2018, 2019. Nell'immediato - dice il Crocetta - a beneficiarne saranno circa 1.400 su 1.750 identificati dalle Asp, che hanno scelto l'assegno monetario, al posto dell'assistenza tramite operatore".

Per i rimanenti 350, entro la fine della prossima settimana la Presidenza della Regione, in collaborazione con l'assessorato alla Famiglia, individuerà sulla base delle indicazioni previste all'interno della legge finanziaria (che sarà pubblicata domani), risorse e modalità per l'assistenza tramite operatore, "che richiede ovviamente tempi burocratici più lunghi rispetto all'assegno monetario, essendo legata anche all'esigenza di elaborazione dei piani individuali di assistenza".

"Per i disabili che non sono inclusi fra i beneficiari - aggiunge Crocetta - è possibile inoltrare domanda alle Asp. Le domande dovranno essere esitate entro 90 giorni dalla richiesta". Per potere usufruire dell'assegno di cura, il beneficiario deve sottoscrivere un patto dove viene dichiarato che le risorse monetarie saranno destinate per il benessere del disabile e venga individuato il componente della famiglia che fornirà l'assistenza.




Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.