Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
mercoledý, 18 ottobre 2017

Pubblicato: 09/05/2017

Macelleria sequestrata per mafia

Palermo. Sigilli a "Le delizie della carne" in via Campisi, punto di riferimento criminale nel quartiere

PALERMO - La Polizia di Stato ha eseguito un'ordinanza di applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari a carico di Natale Giuseppe Gambino, 59 anni, e dell'obbligo di dimora con prescrizioni nei confronti di Antonino Palumbo, 44 anni, per intestazione fittizia di beni. I poliziotti della Sezione "Criminalità Organizzata" della Squadra Mobile, hanno sequestrato preventivamente ai fini della confisca, la macelleria "Le delizie della carne" in via Giovanni Campisi.

Il negozio, storicamente riconducibile a Gambino e punto strategico per la sua influenza criminale nel quartiere, era già stato oggetto di confisca a suo carico nel 2004, con una ragione sociale diversa. Natale Giuseppe Gambino è ritenuto dagli inquirenti elemento di vertice del mandamento di "Santa Maria di Gesù"; è detenuto dopo l'arresto nel dicembre 2015, poiché ritenuto responsabile del reato di associazione per delinquere di stampo mafioso, di tentato omicidio e dell'omicidio di Mirko Sciacchitano, commesso il 3 ottobre 2015.

I provvedimenti cautelari sono scaturiti dagli approfondimenti investigativi effettuati dalla Squadra Mobile a seguito dell'operazione denominata "Stirpe", eseguita, a novembre 2015, nei confronti della famiglia mafiosa "Santa Maria di Gesù" e nel corso della quale, insieme a Salvatore Profeta, è stato arrestato anche Palumbo, che è sottoposto all'obbligo di dimora e al quale erano stati contestati l'associazione mafiosa e il concorso in rapina.




Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.