Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
mercoledý, 22 novembre 2017

Pubblicato: 09/05/2017

Corse di cavalli, 8 arresti

Fermata gara clandestina tra Piazza Armerina e Mazzarino, denunciate 13 persone pronte a scommettere migliaia di euro. I NOMI E LE FOTO

PIAZZA ARMERINA (ENNA) - Otto persone arrestate e 13 denunciate per scommesse e gare clandestine di cavalli, con l'aggravante della presenza di minori, nell'ambito di un'operazione denominata "Bucefalo", realizzata dalla squadra mobile di Enna con la collaborazione dei commissariati di Piazza Armerina, Leonforte, Nicosia, Niscemi e da reparti del comando provinciale della guardia di finanza (GUARDA LE FOTO). Alcuni denunciati sono stati trovati in possesso di diverse migliaia di euro da destinare alle scommesse.

Quella scoperta da polizia e Gdf sarebbe una vera e propria associazione per la promozione e organizzazione di competizioni clandestine di cavalli. Gli arrestati sono Salvatore Gagliano, 41 anni di Piazza Armerina individuato dalle forze dell'ordine come organizzatore e promotore delle gare, nonché fantino e proprietario di uno dei cavalli impiegati nella gara; Andrea Criscione, 52 anni di Caltagirone, anch'egli organizzatore e promotore delle gare nonché fantino; i fratelli Salvatore ed Emanuele Puccio, rispettivamente 59 e 65 anni, di Gela, organizzatori e promotori delle gare, con funzione di raccolta delle scommesse; Rosario Cassarino di Gela, 46 anni, altro fantino e proprietario del secondo cavallo; Mario Novello, di Grammichele, 40, maniscalco che aveva con sé gli attrezzi per ferrare i cavalli; Calogero Abati, 30 anni di Piazza Armerina collaboratore di Gagliano e Giuseppe Emmanuello, di Gela, 28 anni, coordinatore delle vedette impiegate nell'organizzazione della gara, nonché scommettitore.

Le forze dell'ordine hanno identificato e arrestato i partecipanti alle gare clandestine, sulla SS 117, tra Piazza Armerina e Mazzarino, poco prima che avesse inizio una gara tra calessi a due ruote, annullata all'ultimo momento, quando probabilmente, qualcuno si era accorto della presenza delle forze dell'ordine.




Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.