Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
venerdì, 23 giugno 2017

Pubblicato: 07/05/2017

Sbarchi da record in Sicilia

Salvate altre tremila persone in venti operazioni nel Mediterraneo centrale. A Catania attesi altri 500 migranti

CATANIA - Arrivi record di migranti attraverso il Mediterraneo nel fine settimana, grazie anche al mare poco mosso del Canale di Sicilia: mentre sono già annunciate per oggi in Italia 3.159 persone recuperate, che sbarcheranno in Sicilia e Calabria, sono al momento circa 3.000 i migranti tratti in salvo soltanto nella giornata di oggi nel Mediterraneo centrale in più di 20 operazioni di soccorso coordinate dalla Centrale operativa della Guardia costiera di Roma. A Catania attesi altri 500 migranti a bordo della nave Sirio.

Si dovrà attendere l'arrivo a terra di tutte le persone salvate per avere un quadro complessivo degli arrivi del weekend: ma anche per domani le condizioni del mare non saranno proibitive ed è quindi possibile che il numero dei profughi salvati possa aumentare.

I migranti sono stati tratti in salvo da mezzi della Guardia costiera, della Marina militare italiana, di Eunavformded, Frontex, ong e da navi mercantili. Anche ieri le operazioni di soccorso sono state una ventina, con circa 3.000 migranti che, a bordo di gommoni e piccole imbarcazioni, erano diretti dalla Libia verso l'Italia.

Dal 1 gennaio 2017 fino al 5 maggio 2017 (fonte ministero dell'Interno) sono sbarcati in Italia 37.253 migranti, con un +29,76% rispetto allo stesso periodo del 2016, quando arrivarono 28.710 persone. In totale nel 2016 sono sbarcati 181.436 migranti.




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.