Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
venerdì, 28 luglio 2017

In libreria le fiabe scritte dai ragazzi

Maggio dei libri a Catania: presentati i due volumi all'Istituto comprensivo Parini

CATANIA - Un libro di favole scritto da chi le favole le legge. "Fafivoleggiando" e "Direzione fantasia" sono i due volumi scritti dagli alunni della II O e II P delle scuole medie dell'Istituto comprensivo G. parini di Catania, editi per i tipi A&B Bonanno Editori.

La splendida iniziativa, celebrata con una rappresentazione dei ragazzi ed un dibattito nell'auditorium alla presenza della docente di lettere Silvia Emmi, della scrittrice Ylenia Russo e della danzaterapeuta Dania Lentini, si inserisce nell'ambito della settima edizione del Maggio dei Libri.

La campagna nazionale è promossa dal Centro per il libro e la lettura dal Ministero dei Beni e dalle Attività Culturali e del Turismo, sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica, con il patrocinio della Commissione Nazionale Italiana per l’Unesco e che si avvale del supporto della Presidenza del Consiglio dei Ministri, della Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome e dell’Associazione Nazionale Comuni Italiani.

La campagna, nata nel 2011 con l’obiettivo di sottolineare e promuovere il valore sociale della lettura quale elemento chiave della crescita personale, culturale e civile, è diventata un appuntamento atteso – anche dai media che lo seguono con grande attenzione – abituale e diffuso in tutta Italia: iniziata il 23 aprile, giornata mondiale Unesco del libro e del diritto d’autore,  si conclude il 31 maggio

 

 






Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.