Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
domenica, 23 luglio 2017

Pubblicato: 20/04/2017

"Emergenza sanitaria al Cara di Mineo"

La denuncia del M5s: "Farmaci e servizi carenti, a rischio la salute dei migranti. Perché tanta ostinazione a tenerlo aperto?"

ROMA - "Il Cara di Mineo continua a essere un pozzo senza fondo non solo di illeciti ma anche di mancanza di qualsiasi forma di dignità per i migranti che vengono accolti. Abbiamo chiesto, ripetutamente, la sua chiusura, denunciato la corruzione, ma tutta la politica lo vuole tenere aperto perché continua a farci affari. Su questi aspetti attendiamo gli esiti del lavoro della magistratura, ma nel frattempo si aggiunge una denuncia ancora più grave, si apprende di farmaci e servizi sanitari carenti, inconcepibile in un luogo come il Cara di Mineo, precario sotto molteplici aspetti, denunciati più volte anche da organizzazioni umanitarie che lì operano".

I membri M5S della commissione Cie Cara denunciano "l'ennesimo scandalo che travolge il centro di accoglienza di Mineo: queste denunce continue - sottolineano - cozzano contro la volontà di farne addirittura un centro per minori. Ribadiamo la necessità di chiudere il centro. Non capiamo tanta ostinazione nel volerlo tenere aperto anche a costo di cambiarne l'utilizzo. Questa nuova vicenda, estremamente inquietante perché non protegge il diritto alla salute e mette a rischio la salute degli altri ospiti presenti nel centro stesso. Uno scandalo così chiaro che però continua ad andare avanti nell'indifferenza generale", concludono i pentastellati.




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.