Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
venerdì, 23 giugno 2017

Pubblicato: 18/04/2017

"Che degrado a San Nullo"

Catania. Il consigliere di quartiere: "Sporcizia, vandali e sensi unici che nessuno rispetta"

CATANIA - "Una situazione che con il passare degli anni, nel completo immobilismo dell’amministrazione comunale, sta diventando quasi definitiva. E’ piena emergenza nella parte di San Nullo compresa tra via Santa Rosa Da Lima e via Degli Ulivi". Ancora una volta a Catania il consigliere della municipalità di Cibali-Trappeto Nord-San Giovanni Galermo Erio Buceti si fa portavoce delle richieste di cittadini e pendolari.

"Si comincia con via Santa Rosa Da Lima, ovvero la strada diventata a senso unico di marcia (non rispettato quasi da nessuno) dopo l’incidente mortale che è costata la vita a due persone. Un’arteria che, nei progetti iniziali, doveva essere un’alternativa a via Concetto Bonaventura e che oggi rappresenta uno dei principali collegamenti tra la zona nord del quartiere e via San Nullo. Non solo, la stessa via Bonaventura da quasi quarant’anni resta divisa in due tronconi separati da un muro divisorio e da un dislivello di quasi dieci metri".

Buceti si chiede: "Che fine hanno fatto le opere di urbanizzazione richieste dai cittadini? Che fine hanno fatto i controlli della polizia municipale per evitare che via Santa Rosa Da Lima venga percorsa in controsenso - con inevitabili incidenti stradali - oppure che resti ancora una pattumiera a cielo a causa dei soliti incivili che qui scaricano di tutto? Domande a cui l’amministrazione deve dare risposte a tutta San Nullo. Un quartiere che oggi deve fare i conti pure con un parco completamente in mano ai teppisti e con la vicina via degli Ulivi che si trasforma dal tardo pomeriggio in un’alcova per le coppiette. In passato qui venivano scaricate montagne di copertoni, oggi è una zona con grossi problemi di decoro dove i residenti delle palazzine circostanti sono costretti a vedere, dai balconi, uno spettacolo penoso".




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.