Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
domenica, 30 aprile 2017

Pubblicato: 18/04/2017

"Ecco dove si fa sport a Picanello"

Un consigliere comunale di Catania mostra le condizioni "penose" del campo scuola. "E piazza Universiadi è stata devastata dai vandali"

CATANIA - Le condizioni del campo scuola di Picanello continuano a essere disastrose. Il nuovo "tagliando" del consigliere comunale catanese Francesco Saglimbene segnala che "i problemi cominciano ancor prima di mettere piede all’interno della pista di atletica. Già dall’ingresso, infatti, si nota la totale assenza di interventi di manutenzione straordinaria per eliminare buche e avvallamenti".

Il consigliere ha raccolto le lamentele di cittadini e associazioni sportive. "Molti atleti, durante il più semplice degli allenamenti, rischiano l’infiammazione del tendine, storte o problemi alle articolazioni. La pista di atletica è in condizioni penose con le pedane che non hanno più aderenza e elasticità. L’amministrazione comunale ha investito risorse per 25.000 euro con il preciso obiettivo di rifare la pista di atletica nello stadio Massimino ma si è completamente dimenticata di quella di Picanello".

Un luogo che secondo Saglimbene "rappresenta uno spazio vitale per lo sport e un luogo di aggregazione per tutto il territorio. La rinascita dell’atletica leggera, quindi, passa dal recupero di tutti i siti a disposizione della città e non attraverso opere a macchia di leopardo dove si privilegiano alcuni impianti piuttosto che altri. In quello di Picanello, in particolare, bisogna fare un discorso di recupero più ampio in cui comprendere, oltre alla pista, il campo interno e la tribunetta per gli spettatori. E poi le attrezzature, il parcheggio e le panchine arrugginite per uno dei pochi impianti a Catania omologati per fare atletica leggera. Qui si ritrovano appassionati di ogni età e livello che devono allenarsi tra mille difficoltà. E' necessaria un’opera di riqualificazione in cui inserire pure la vicina piazza delle Universiadi completamente distrutta dai vandali".




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.