Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
lunedý, 24 luglio 2017

Pubblicato: 12/04/2017

Catania, stop a banda della spaccata

Colpo notturno al negozio Adidas di via Umberto: in 4 bloccati dopo un rocambolesco inseguimento. VIDEO

CATANIA - Questa volta è andata male alla "banda della spaccata" di turno: dopo l'assalto al negozio "Adidas" di via Umberto, quattro giovani sono stati intercettati e arrestati dalla polizia. Un quinto è riuscito a scappare.

In manette i pregiudicati Rosario Scavone, 28 anni, Domenico Benedetto Zucchero, 19 anni, Giuseppe Bivona, 23 anni, e S.E., 17 anni, sul quale peraltro pende un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip del Tribunale dei minori di Caltanissetta.

Una volante, intorno alle 4.50 circa, mentre transitava lungo via Sant’Euplio ha intercettato cinque persone col volto coperto a bordo di una Fiat Uno. Dopo un rocambolesco inseguimento, l’auto è stata bloccata in piazza Carlo Alberto dove due dei malfattori sono stati ammanettati immediatamente, mentre i restanti tre sono fuggiti in via Rizzo, introducendosi nel parcheggio multipiano "Bellini".

All’interno del parcheggio due dei fuggitivi sono stati bloccati, mentre uno è riuscito a dileguarsi. Tutti i soggetti, uno ancora col casco indossato e gli altri con cappuccio, passamontagna e guanti per non farsi riconoscere dalle immagini dei sistemi di videosorveglianza, sono stati ammanettati e arrestati; il più giovane, S.E. è stato anche trovato in possesso di alcune dosi di marijuana, forse utilizzata per "darsi la carica".

Nella Fiat Uno utilizzata dalla banda, poi risultata rubata, sono stati trovati arnesi atti allo scasso. La merce rubata, per un valore di 3.000 euro, è stata restituita al legittimo proprietario. Il pm di turno ha disposto per Scavone, Zucchero e Bivona gli arresti domiciliari in attesa del giudizio direttissimo; per quanto riguarda il minore, invece, è stato rinchiuso nel Centro di Prima accoglienza di via Franchetti a disposizione dell’A.G.




Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.