FOTO" /> FOTO"> Largo Paisiello, altro che salotto buono
Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
domenica, 28 maggio 2017

Largo Paisiello, altro che salotto buono

Catania. La denuncia del consigliere comunale Sofia: "Posteggiatori abusivi, senzatetto che bivaccano e angoli usati come bagni". FOTO

CATANIA - "Su Largo Paisiello serve un piano di recupero radicale che dia respiro ai commercianti della zona e fermi l’odioso fenomeno dei posteggiatori abusivi che qui spadroneggiano soprattutto nelle ore di punta quando un parcheggio nel rione vale oro". GUARDA LA FOTOGALLERY.

E' la denuncia del consigliere comunale Carmelo Sofia che, in qualità di presidente della commissione alla Viabilità, sottolinea la necessità di intervenire in questa parte di Catania attraverso una programmazione che fissi degli obiettivi.

"In cima alla liste delle richieste dei commercianti e dei residenti del quartiere, di cui io mi faccio portavoce - afferma Sofia -, c’è il rispetto delle regole e la lotta al posteggio selvaggio che non risparmia strisce pedonali, marciapiedi e perfino le stradine limitrofe letteralmente chiuse dalle auto in sosta".

Nel cuore della città e a pochi passi dalla centralissima via Etna il parcheggio anarchico e le auto in doppia fila costituiscono la normalità quotidiana. "Già in precedenza, durante un sopralluogo della commissione alla Viabilità - spiega il consigliere comunale Francesco Saglimbene - con i negozianti del territorio avevamo parlato del traffico che qui procede continuamente a singhiozzo, dei passaggi pedonali impraticabili e dell’enorme degrado che colpisce la scalinata e la fontana di Largo Paisiello".

Uno dei salotti buoni di Catania del passato che resta tale solo nei ricordi della gente. Oggi, purtroppo, la realtà è ben diversa e parla di un’enorme spazio dove bivaccano pure i senzatetto e dove gli angoli vengono usati come bagni. Cominciare qui con una straordinaria opera di pulizia vorrebbe dire lanciare un segnale preciso di vicinanza dell’amministrazione al quartiere.




Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.