Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
domenica, 28 maggio 2017

Pubblicato: 08/04/2017

"Voglio salvare la Pubbliservizi"

A Catania il nuovo amministratore Ontario ha incontrato i sindacati: "No alla liquidazione, pagheremo gli arretrati e l'azienda ripartirÓ"

CATANIA - L'amministratore unico della Pubbliservizi, società partecipata della città metropolitana di Catania, Silvio Ontario, ha incontrato le sigle sindacali presenti nell'azienda, alle quali ha ribadito "la volontà di salvare l'azienda da un eventuale liquidazione che creerebbe gravi ripercussioni alle famiglie dei lavoratori sia della Pubbliservizi sia dell'indotto collegato".

I sindacati hanno manifestato "ottimismo per il nuovo management, che ha dato un primo segnale di apertura per un dialogo costruttivo volto al rilancio della società".

L'incontro per Ontario ha avuto lo scopo di "instaurare un primo rapporto di conoscenza ed esporre il punto di partenza della nuova gestione". Ontario ha dichiarato di aver "trovato risorse umane e lavorative di grande valore, che è riuscito a 'riattivare', e di aver 'inviato gli operai in strada' per far ripartire l'azienda", sottolineando come "grazie alla fatturazione dei lavori, si sta provvedendo a pagare l'arretrato alle aziende, alle finanziarie e ai fondi di previdenza".

Una seconda fase dell'azione sarà dedicata al "controllo ed alla verifica di tutte le disposizioni effettuate dai vecchi amministratori oltre che alla sicurezza ed all'implementazione dei servizi (caldaie)".

I sindacati hanno espresso "grande soddisfazione per la chiarezza e trasparenza del nuovo management" e hanno anche "apprezzato le scelte fino ad ora compiute dall'amministratore, compreso il fatto che che non abbia effettuato lo spoil system". Hanno inoltre avanzato la richiesta che nell'ambito del progetto di questa nuova amministrazione "le scelte vengano condivise e che finalmente venga posto fine al lungo 'silenzio assordante' che in questi mesi, e per troppo tempo, la città metropolitana ha messo in atto".




Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.