Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
domenica, 28 maggio 2017

Turismo, in Sicilia arriva la svolta
"Segnaletica nei siti più importanti"

L'assessore regionale presenta il nuovo piano di comunicazione per i 27 comuni delle aree Unesco

PALERMO - Un nuovo piano di comunicazione turistica, una nuova segnaletica, nuovi prodotti informativi e una nuova app: sono questi i contenuti presentati dall’assessore regionale al Turismo, sport e spettacolo, Anthony Barbagallo, nel corso di una conferenza stampa a Catania.

Alla presenza dei sindaci dei ventisetti comuni ricadenti nell’area dei siti Unesco Monte Etna, Piazza Armerina-Villa romana del Casale, Val di Noto, l’assessore ha presentato il piano predisposto per elevare la qualità dell’offerta turistica siciliana, attraverso una nuova immagine coordinata e riconoscibile improntanta al valore dell’arte e della cultura iscritto nella lista del patrimonio mondiale.

"Il rilancio del turismo in Sicilia passa anche dalla fruibilità dei siti e dalla riconoscibilità degli stessi - ha dichiarato l’assessore -. Spesso, nel passato, a chi arrivava da fuori veniva difficile persino individuare le strade di accesso per la mancanza di una segnaletica adeguata. Oggi non solo abbiamo colmato questa lacuna, ma abbiamo realizzato una serie di prodotti per metterci al pari con quelli che sono gli standard praticati nei principali siti turistici nazionali e internazionali".

Il piano di comunicazione turistica prevede una segnaletica omogenea riferita ai principali beni monumentali cittadini con tabelle descrittive e totem, pieghevoli monografici contenenti le principali informazioni (servizi, ricettività, eventi, trasporti, mappa, etc) e una piattaforma multimediale dedicata, plurilingue, accessibile da QR code, navigabile dagli utenti attraverso smartphone e tablet, contenente galleria fotografica, virtual tour dei luoghi più rilevanti, audio guida, panoramiche a 360 gradi.

Il piano di promozione turistica dell’assessorato prevede inoltre la realizzazione di eventi culturali tematici e la creazione di un’offerta turistica destinata al mercato internazionale. “Su questo abbiamo già fatto molto, con la predispozione dei percorsi turistici ormai attivi da più di un anno che hanno dato un grande riscontro in termini di presenze e gradimento dei visitatori - ha proseguito l’assessore - come il Treno del vino e Il Treno dei castelli sull’Etna, la rassegna Anfiteatro di Sicilia che quest’anno ha aggiunto al teatro greco-romano di Catania e a quello di Taormina il teatro di Tindari e quello di Segesta, per arrivare alla Strada degli scrittori e alle via Francigene per il turismo spirituale e religioso. Pianificazione dei contenuti e adeguata comunicazione. La normalità, insomma, che però in Sicilia per troppo tempo è rimasta una chimera".

Ad usufruirne saranno tutti i Comuni che ricadono nell’ambito dei siti Unesco Monte Etna, Val di Noto, Villa del Casale. Nello specifico: Bronte, Randazzo, Adrano, Ragalna, Maletto, Nicolosi, Pedara, Trecastagni, Aci Bonaccorsi, Viagrande, Belpasso, Biancavilla, Santa Maria di Licodia, Zafferana etnea, Milo, Sant’Alfio, Castiglione di Sicilia, Giarre, Linguaglossa, Mascali, Piedimonte Etneo, Catania, Militello Val di Catania, Caltagirone, Noto, Parco archeologico Villa del Casale.




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.