Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
domenica, 22 ottobre 2017

Pubblicato: 07/04/2017

Truffa fondi agricoltura: 11 denunciati

Un'impresa di Gioiosa Marea aveva percepito i contributi con l'emissione di fatture false

GIOIOSA MAREA (MESSINA) - La Guardia di Finanza ha denunciato 11 persone e ha sequestrato beni per 180 mila euro nell'ambito di un'inchiesta nel settore delle indebite percezioni dei finanziamenti pubblici europei e regionali.

Sono accusati di truffa aggravata finalizzata al conseguimento di erogazioni pubbliche e di emissione e utilizzo di fatture per operazioni inesistenti.

In particolare, le Fiamme Gialle hanno sottoposto a controllo un'impresa di Gioiosa Marea (Messina) operante nel settore agricolo, che aveva percepito un contributo regionale e comunitario nell'ambito dei fondi a carico sia del Programma di Sviluppo Rurale Sicilia che del Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale, relativo al rimboschimento di terreni agricoli.

La frode ha riguardato i fondi destinati al rimboschimento di un terreno dell'estensione di trenta ettari, sito nel territorio del comune di San Piero Patti, nell'area dei Nebrodi.

Gli organizzatori della truffa, residenti a Gioiosa Marea, avevano richiesto e ottenuto, secondo l'accusa, risorse finanziarie pubbliche presentando fatture emesse da soggetti che non avevano prestato alcuna attività relativa alla preparazione delle superfici destinate alla piantumazione di 24.000 alberi, del tipo latifoglie, da destinare alla produzione di materiale legnoso.




Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.