Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
mercoledì, 20 settembre 2017

Pubblicato: 06/04/2017

"Possono brindare gli evasori seriali"

Riscossione Sicilia in liquidazione, l'amministratore Fiumefreddo attacca la casta dell'Ars: "Un atto di prepotenza pianificato"

PALERMO - "L'emendamento con cui si è decisa la liquidazione di Riscossione Sicilia è un atto di prepotenza minacciato, pianificato e violentemente consumato. La casta di Palazzo dei Normanni si è compattamente difesa dalla lesa maestà subita in questi mesi con il pignoramento delle indennità dei loro inquilini".

Così l'amministratore unico di Riscossione Sicilia, Antonio Fiumefreddo, commenta l'approvazione in commissione Bilancio dell'Ars, che in nottata ha varato la manovra finanziaria che arriverà in aula domattina, di un emendamento che prevede la liquidazione della società che riscuote le imposte in Sicilia, controllata dalla Regione siciliana.

"Brindano i poteri criminali che potranno tornare a dormire sonni tranquilli - attacca Fiumefreddo - brinda le casta degli impresentabili, brindano gli evasori seriali, piange la Sicilia degli onesti. Sono fiero d'aver servito i siciliani a testa alta e senza guardare in faccia nessuno".




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.