Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
domenica, 22 ottobre 2017

Catania, 3 mln per il lifting alle strade
"Necessaria cura drastica"

Presentato in municipio il progetto. Bianco: "Interventi su buche, caditoie, tombini e guard-rail. Lavori al via in estate"

CATANIA - "Un'iniziativa di straordinario valore, una drastica cura per rimettere in ordine le nostre strade a cominciare dai 120 mila metri quadrati di superficie asfaltata per rifacimenti parziali e sistemazioni che ci daranno la possibilità di intervenire sull'intera rete, dal centro alla periferia". Così il sindaco Enzo Bianco ha presentato nel Palazzo degli Elefanti il progetto "Global Service" curato dall'Assessorato e dalla Direzione Manutenzione strade e comprendente anche diecimila interventi di colmature di buche stradali, la sistemazione di 1.500 metri quadrati di marciapiedi, la pulizia di duemila caditoie, la realizzazione di 95 passaggi pedonali rialzati, la riqualificazione di cinquecento metri lineari di guard-rail.

Il tutto attraverso un contratto Global service, ossia basato sui risultati e che comprende una pluralità di servizi sostitutivi delle normali attività di manutenzione attraverso un appalto il cui bando sarà pubblicato nei prossimi giorni e che, seguendo il normale iter, dovrebbe consentire l'inizio dei lavori in estate, quando la chiusura delle scuole allevierà eventuali disagi alla circolazione. Erano presenti all'incontro in Sala Giunta l'assessore all'Urbanistica e alle Manutenzioni Salvo Di Salvo, il direttore di quest’ultimo Servizio, Fabio Finocchiaro, e i tecnici che hanno collaborato a mettere a punto il progetto.

"Per questo complesso di interventi di rigenerazione urbana - ha sottolineato Bianco -, fondamentale per la sicurezza stradale, si può contare su una cifra mai investita dal Comune negli ultimi quindici anni". "Parliamo - ha detto Di Salvo - di sei milioni di euro: due milioni 745 mila euro per Global service per il 2017, un altro milione di euro tra risorse del Bilancio comunale e di Catania Multiservizi, a cui vanno aggiunti i due milioni e 400 mila euro previsti nel Patto per il Sud per la messa in sicurezza delle strade della Zona industriale".

"Poiché le strade di Catania - ha continuato il sindaco - non vengono sistemate come si deve da più di un decennio e che il Comune, anche per via del Piano di rientro, non ha le risorse, i mezzi e il personale necessari per la manutenzione, considerando anche che molti dipendenti sono andati in pensione senza essere sostituiti e che l'età media è abbastanza elevata, i lavori saranno affidati a un'impresa esterna con il sistema del Global service. Si tratta di un sistema che ha già funzionato benissimo negli anni '90 e che dobbiamo all'intuizione di quello straordinario assessore che fu Antonio Guarnaccia".

"L'obiettivo di Global Service - ha sottolineato Di Salvo - oltre a programmare interventi mensili su tutta la città, è quello di favorire i processi di partecipazione e coinvolgimento dei cittadini. Ed è in quest'ottica che è stato incrementato il servizio dell'Amministrazione 'Comunepronto'. Per segnalare buche pericolose, macchie d’olio o anche per recuperare oggetti finiti nelle caditoie e chiedere interventi di vario genere che tutelino la pubblica incolumità si potranno chiamare, 24 ore su 24, il numero verde 800.112.992 o lo 095.456376".

L'assessore ha inoltre annunciato che, con i Servizi informatici del Comune, si sta lavorando per realizzare un'applicazione per smartphone che velocizzerà ulteriormente i tempi degli interventi. Il direttore Fabio Finocchiaro ha aggiunto che i dati del progetto Global Service saranno pubblicati sul sito del Comune, "così da essere verificati dai cittadini", e che l'impresa che si aggiudicherà l'appalto dovrà anche fornire al Comune tutti i conglomerati bituminosi e materiali edili necessari anche al servizio Manutenzioni del Comune e la mappatura digitalizzata di caditoie, strade, canali e torrenti presenti sul territorio.




Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.