Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
domenica, 23 aprile 2017

Pubblicato: 25/03/2017

"Lampedusa simbolo del fallimento Ue"

Nel giorno in cui a Roma si celebrano i 60 anni dei Trattati europei, Salvini vola sull'Isola siciliana tra selfie e cannoli: "Noi stiamo con i volontari, non con chi specula"

LAMPEDUSA (AGRIGENTO) - Il leader della Lega, Matteo Salvini, sceglie di essere a Lampedusa nel giorno in cui a Roma si celebrano i 60 anni dei Trattati europei. Ad accoglierlo all'aeroporto un'ampia delegazione del movimento Noi con Salvini proveniente da ogni parte della Sicilia. Per l'eurodeputato una giornata alla scoperta dell'Isola simbolo dell'accoglienza ai migranti, prima in compagnia del sindaco di Lampedusa, Giusy Nicolini, poi con le degustazione dei dolci tipici siciliani.

"Mentre Merkel, Renzi, Gentiloni, Alfano sfilano e brindano a Roma per una festa dell'Europa che è diventata un incubo, io sono qui per chiedere che l'Italia difenda i propri confini" dice Salvini.

"Il fallimento della Ue sta tutto nei numeri - scrive - 500mila sbarcati ma solo il 5% di questi sono sul serio profughi". E ricorda i morti che hanno reso il mare una "fossa comune".

Su Facebook, il leader del Carroccio posta le foto: "Accoglienza spettacolare a Lampedusa! Mentre la Merkel e Renzi festeggiano (cosa?) a Roma, io propongo un'altra idea di Europa: più lavoro e meno finanza, più sicurezza e meno clandestini. Prima gli italiani".

In aperta polemica con Bruxelles, Salvini denuncia la “vergogna” europea: “500.000 sbarchi e 12.000 morti in tre anni: questa non è accoglienza, è una vergogna”.

“C’è l’accoglienza dei volontari – ha detto Salvini - e quella del portafoglio. Sono a Lampedusa, per la prima volta, per protestare contro le politiche migratorie degli affari. Il fallimento del'Ue sta tutto nei numeri: 500 mila sbarcati ma solo il cinque per cento di questi sono sul serio profughi che fuggono da guerre. Poi dodicimila morti che in questi anni hanno reso questo mare una fossa comune. E c'è chi specula su questa tragedia. Chiediamo ufficialmente alla Guardia di Finanza perquisizioni a tappeto nelle sedi delle Ong che fungono da scafisti istituzionali nel traffico di esseri umani".

C'è già una data per il ritorno del leader della Lega in Sicilia, questa volta in provincia di Catania: giovedì 20 aprile.

Matteo Salvini arriverà tre giorni prima del voto delle primarie indette dal centrodestra, competizione elettorale che, come previsto dal regolamento redatto e approvato dalle forze aderenti, si celebreranno domenica 23 aprile per sostenere il deputato siciliano Angelo Attaguile, segretario nazionale di Noi con Salvini.

"Sono in continuo aumento - commenta l'on. Angelo Attaguile- i siciliani che condividono e sostengono la linea politica tracciata da Matteo Salvini. Per questo ritengo importantissime le sue visite qui al Sud, sincere occasioni di confronto che scolpiscono nei cuori e nelle menti di chi vi partecipa messaggi politici chiari, diretti e coinvolgenti. Col proposito di far giungere il messaggio politico del nostro leader a tanti altri siciliani -conclude Angelo Attaguile- giovedì 20 aprile Matteo Salvini terrà un comizio ad Aci Castello, comune di ventimila abitanti nel Catanese, dove per l'occasione giungeranno migliaia di persone. Nel corso della stessa giornata Salvini prenderà parte a numerosi altri impegni che renderemo noti nei prossimi giorni".




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.