Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
martedì, 21 novembre 2017

Il 60enne ferito e negoziante che ha venduto la bombola


CATANIA - Nell'ambito di accertamenti tecnici irripetibili per l'inchiesta sul crollo della palazzina di tre piani in via Crispi, avvenuto nella notte tra il 25 e il 26 febbraio scorso, la Procura di Catania ha iscritto nel registro degli indagati, come atto dovuto, uno dei sopravvissuti e il negoziante che gli ha venduto una bombola di gas.

I reati ipotizzati dal procuratore Carmelo Zuccaro sono disastro e omicidio colposi, per il crollo della palazzina e la morte dell'85enne Agata Strano che abitava al secondo piano.

Il sopravvissuto indagato è il 60enne ricoverato nell'ospedale Civico di Palermo per ustioni sul 15% del corpo, in particolare alle mani e alla testa. Le indagini della squadra mobile della polizia di Stato puntano ad accertare eventuali responsabilità dirette o indirette nell'esplosione che ha causato una vittima e quattro feriti, due dei quali, l'indagato e una bimba di 10 mesi, in maniera grave.

Gli accertamenti, che avranno valore anche come incidente probatorio, si svolgeranno venerdì prossimo. La palazzina intanto resta ancora inagibile.




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.