Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
martedì, 27 giugno 2017

Pubblicato: 22/03/2017

La lava è spaziale

La lingua rossa dell'Etna fotografata di notte da un astronauta francese. Continua a scendere un fiume dal cratere di sud-est

ROMA - L'eruzione dell'Etna fotografata di notte dalla Stazione Spaziale: a immortalare la rossa lingua di lava è stato Thomas Pesquet, l'astronauta francese dell'Agenzia Spaziale Europea (Esa) impegnato nella missione spaziale Proxima.



Nella foto postata su Twitter sono ben visibili le luci di Catania e i vari paesi della costa mentre in basso a sinistra, in una parte priva di illuminazione artificiale è possibile vedere facilmente una sottile linea rossa. E' la colata di lava dell'eruzione iniziata il 14 marzo e che prosegue ancora, anche se risulta affievolita in questi giorni.

Intanto non si è ancora conclusa l'eruzione. Un braccio di lava continua a scendere da una frattura alla base meridionale del cono del cratere di sud-est. La colata è sempre visibile da grande distanza.


(foto dalla web-cam di Radiostudio 7 Maletto)









Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.