Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
sabato, 27 maggio 2017

Etna: furti nelle auto degli escursionisti
Sos degli albergatori: "Prime disdette"

Scassinate le macchine di un gruppo in gita. La notizia dei feriti ha fatto il giro del mondo e i turisti rinunciano alla vacanza

CATANIA - Ladri in azione sull'Etna. Approfittando della presenza di numerosi gitanti che la sera salgono sul vulcano per osservare da vicino l'attività eruttiva in corso dei banditi hanno scassinato diverse auto posteggiate nelle stradine del monte, soprattutto quelle lasciate nei sentieri meno illuminati.

Le vittime degli ultimi colpi, ricostruisce oggi il quotidiano La Sicilia, facevano parte di un gruppo in escursione sul sentiero della Schiena dell'Asino, a poca distanza dalla stazione turistica di Etna sud.

"Ci hanno svuotato l'auto portandosi tutto ciò che potevano, compreso persino del vestiario sporco", racconta una delle vittime. "Dalle dinamiche abbiamo capito che non si tratta di un caso isolato - aggiunge - i carabinieri non si sono mostrati per nulla stupiti e ci hanno invitato a presentare la denuncia direttamente in caserma".

Intanto la notizia dell'esplosione e dei feriti sull'Etna ha fatto il giro del mondo e agli albergatori e titolari di b&b della zona arrivano le prime disdette di prenotazioni, soprattutto dall'estero.




Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.