Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
venerdì, 21 luglio 2017

Pubblicato: 15/03/2017

La stangata di San Cristoforo

Quartiere catanese passato al setaccio dalla polizia: 37.000 euro di multe per 56 infrazioni al cds, sanzioni per una macelleria e un negozio di bevande

CATANIA - La polizia e la guardia di finanza di Catania hanno passato al setaccio il quartiere San Cristoforo. E sono fioccate le multe. Nelle piazze Palestro e Federico di Svevia sono stati controllati 44 veicoli e 69 persone e sono state contestate 56 infrazioni al codice della strada, per un totale di 37.069 euro.

Ancora una volta, la maggior parte delle sanzioni arriva per mancato uso del casco e scopertura assicurativa (oltre 20 violazioni registrate), ma sono state contestate anche l’omessa revisione del mezzo, il pericolosissimo uso di cellulare alla guida, la guida senza patente perché revocata o mai conseguita (4 infrazioni), l’incauto affidamento del mezzo (ancora 4 rilievi) e il mancato uso della cintura di sicurezza, oltre ad altre varie infrazioni. Per ben 13 volte, infine, i poliziotti hanno sanzionato qualcuno per l’inottemperanza all’obbligo di fermarsi.

In via Acquicella sono stati controllati due esercizi commerciali: una macelleria di carne equina e una rivendita di bevande. Al titolare della prima è stata contestata l’occupazione abusiva del suolo pubblico (sanzione di 169 euro), mentre nella seconda attività è stata riscontrata la vendita in mancanza del requisito professionale richiesto dalla legge e l’indebita occupazione del suolo pubblico per una sanzione totale di 3.436 euro.




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.