Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
giovedì, 25 maggio 2017

"I dipendenti corrotti subito sospesi"


PALERMO - "Saranno immediatamente sospesi i funzionari della Regione coinvolti nello scandalo sul traffico di rifiuti pericolosi nel Catanese scoperto dai carabinieri e dalla Dda di Catania ai quali vanno il ringraziamento e le congratulazioni mie personali e dell'intero governo per il grande lavoro di pulizia che stanno facendo", ha detto il governatore della Sicilia, Rosario Crocetta.

"Non ci troviamo di fronte alla semplice corruzione ma a un danno alla salute dei cittadini e dell'ambiente - aggiunge - Non faremo sconti, i funzionari saranno sospesi nelle more della procedura di licenziamento".

Crocetta ha anche annunciato un provvedimento per la rotazione del personale nei dipartimenti dell'assessorato regionale all'Energia, "che negli anni ha visto gravi contaminazioni con le eco-mafie, nelle vicende eolico e solare, nelle discariche".

"Occorre procedere con ulteriori atti amministrativi rispetto a quelli già messi in campo come la rotazione del personale all'interno dell'assessorato - dice Crocetta - per evitare quelle cristallizzazioni che potenzialmente possono favorire le attività corruttive".

"Oggi farò una riflessione con i direttori generali dei dipartimenti e con l'assessore - afferma - Occorre implementare le competenze e le capacità professionali, oltre a una attenta attività ispettiva sui provvedimenti che assumono i singoli funzionari".

"Il fenomeno della corruzione negli ultimi anni ha però sempre coinvolto funzionari e dirigenti intermedi e non più come avveniva in passato anche figure apicali per un motivo semplice: le figure apicali vengono nominate dal governo, quelle intermedie in via burocratica", ha detto ancora Crocetta. "È ora di dire basta - aggiunge - il garantismo non può essere spinto fino al punto di diventare immunità per burocrati corrotti. Agiremo con la severità che richiede la situazione".

Per Crocetta "fatti come questa inchiesta della Dda sul traffico dei rifiuti pericolosi dimostrano come l'azione di governo per un migliore sistema dei rifiuti sia contrastata da alcuni settori deviati dell'amministrazione che rappresentano un passato che vuole continuare ad agire nel presente in totale opposizione a un governo che sta cambiando le cose in Sicilia".

"L'operazione condotta dalla Dda di Catania dimostra ancora una volta quanto questo settore sia oggetto di interessi criminali di ogni genere e per questo non possiamo che ringraziare la magistratura e le forze dell'ordine per il lavoro svolto", ha commentato l'assessore all'Energia e ai Servizi di Pubblica Utilità Vania Contrafatto.

"Il governo - aggiunge - si è sempre impegnato a segnalare tutti i comportamenti ritenuti non in linea con il buon andamento della Pubblica Amministrazione e ha attuato, al contempo, diverse rotazioni negli uffici allo scopo di scardinare un sistema cristallizzato che rischia di affidare poteri decisionali sempre alle medesime figure".

"Interverremo duramente - conclude l'assessore - nei confronti di funzionari della Pubblica Amministrazione che dovessero risultare coinvolti, mantenendo altissima la guardia e contrastando infiltrazioni e comportamenti lesivi del pubblico interesse".




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.