Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
domenica, 26 marzo 2017

Pubblicato: 14/03/2017

Ictus in calo grazie alle prevenzione

Nuccio Sciacca / 
Fino al 19 marzo anche in Sicilia la "Settimana mondiale del cervello"

Ictus in calo in Italia. A segnalare il trend per una patologia che resta pur sempre la prima causa di disabilità, la seconda di demenza e la terza di morte nel mondo industrializzato sono i neurologi della Sin (Società italiana di neurologia), che a Milano hanno presentato l'edizione 2017 della Settimana mondiale del cervello, in programma dal 13 marzo a domenica 19 con iniziative su tutto il territorio nazionale.

Il messaggio che fa da collante è uno e vale per tutte le potenziali minacce all'integrità della mente e per tutte le età: 'Curare il cervello migliora la vita'. Curare e fare prevenzione salva-cervello, un aspetto sul quale bisogna insistere, fanno notare gli esperti.

"Dati recenti sulla popolazione italiana - spiega Elio Agostoni, direttore del Dipartimento di neuroscienze e della Struttura complessa di neurologia e Stroke Unit all'Asst Grande ospedale metropolitano Niguarda di Milano - indicano che negli ultimi 20 anni l'incidenza di primi ictus è diminuita del 29%, sia per ictus ischemici sia per ictus emorragici, ma non per l'emorragia subaracnoidea. Tale riduzione è stata osservata nonostante un indice di invecchiamento della popolazione con età superiore ai 75 anni pari al 33%. La riduzione dell'incidenza interessa in particolare gli ictus disabilitanti e fatali. La percentuale di mortalità a 30 giorni è invece rimasta la stessa".

I neurologi provano a spiegare i dati in diminuzione: "E' plausibile attribuire questo trend all'aumento e al miglioramento delle strategie preventive, a un miglior controllo dei fattori di rischio vascolare e al ruolo della chirurgia vascolare, anche per il considerevole numero di interventi chirurgici eseguiti per stenosi della carotide (salito peraltro dal 17,2% al 17,8%)".

Non va abbassata la guardia. "Oggi nel Paese sono circa un milione le persone che vivono con esiti invalidanti della malattia - ricorda Agostoni - I nuovi casi sono circa 180 mila ogni anno. Prima questo dato era più alto, a quota 200 mila. E la prevenzione ha permesso di recuperare quei circa 20 mila casi nel corso dell'ultimo decennio. Lo stesso ci permettono di fare sempre di più le terapie in fase acuta", per le quali si aprono nuove frontiere, "perché siamo migliorati anche su questo fronte".

Un fronte dove il fattore tempo resta cruciale per l'efficacia delle procedure messe in campo. La comunità scientifica ha lavorato per ridurre il ritardo evitabile nei soccorsi in caso di ictus con l'efficienza organizzativa e la logica di rete (60 minuti il limite temporale che orienta le modalità di trasporto dei pazienti e lo smistamento in hub e spoke). Agli italiani i neurologi della Sin ricordano 10 regole d'oro per allontanare lo spettro dell'ictus.

Il primo 'comandamento' è appunto "prevenire", che "è meglio che curare. Le strategie di prevenzione dell'ictus sono più efficaci se vengono attuate quando l'ictus non si è ancora manifestato ossia in soggetti che 'stanno bene'".

E' consigliabile, continuano gli esperti, effettuare periodiche visite dal proprio medico di famiglia che provvederà a verificare il profilo di rischio vascolare. Secondo punto: non fumare. E la lista prosegue con: praticare attività fisica e sportiva, quotidiana, anche moderata come ad esempio camminare a passo spedito per 30 minuti al giorno; controllare il peso corporeo (ridurlo in chi è in sovrappeso ha effetti positivi su pressione, diabete e grassi nel sangue); limitare il consumo di alcol (in modiche quantità può esercitare un effetto protettivo per le malattie vascolari e l'ictus); correggere l'alimentazione (meno grassi e condimenti di origine animale, più pesce quale fonte di grassi polinsaturi, frutta, verdura, cereali integrali e legumi quale fonte di vitamine e antiossidanti); limitare il sale nella dieta (meno di 6 grammi); controllare la pressione arteriosa; controllare la glicemia e attenzione alla fibrillazione atriale. 




Articoli correlati:

Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.