Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
giovedì, 27 aprile 2017

Fondi europei richiesti dai morti
sequestro pesante a Randazzo

Truffa all'Ue: confiscati beni per 380.000 euro al titolare di un'azienda agricola

SANT'AGATA DI MILITELLO (MESSINA) - Beni per oltre 380.000 euro sono stati sequestrati dalla guardia di finanza al titolare di un'azienda agricola con sede a Randazzo (Catania) che si sarebbe appropriata illecitamente di finanziamenti pubblici europei.

L'uomo è stato denunciato per truffa aggravata. Secondo quanto emerso dalle indagini, i contratti d'affitto di alcuni terreni attigui all'azienda contenevano dati anagrafici e firme di proprietari che sono morti prima della data nella quale erano stati stipulati e una delibera di giunta di un Comune del Catanese relativa alla concessione in affitto di beni demaniali che sarebbe stata falsificata sostituendo il beneficiario e le superfici indicate.

Le domande per gli aiuti erano state presentate attraverso un centro di assistenza agricola di Cesarò (Messina). I finanzieri hanno scoperto elementi falsi in quattordici diverse richieste di concessione di contributi pubblici inoltrate tra il 2007 e il 2013 all'agenzia per le erogazioni in agricoltura (Agea).




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.