Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
martedì, 28 marzo 2017

I sindacati: "Non siamo stati invitati"


CATANIA - "Sarebbe stato utile e di certo doveroso che i sindacati catanesi potessero confrontarsi con il ministro De Vincenti. La concertazione passa anche da tappe istituzionali come quelle di oggi al Comune di Catania. Ma non siamo stati invitati ed è stata un'occasione perduta; per i lavoratori e di conseguenza per la città". Cgil, Cisl, UIL e Ugl si dicono "dispiaciuti" per non aver potuto confrontarsi con il ministro della Coesione territoriale e del Mezzogiorno Claudio De Vincenti, stamattina in visita a Catania per fare il punto sul "Patto per Catania" e dunque sulle prossime opere che saranno realizzate a seguito dell'accordo firmato nei mesi scorsi con l'ex premier, Renzi.

"A De Vincenti - aggiungono i sindacati - avremmo voluto segnalare alcune priorità sul territorio in contesti che vanno dall'edilizia alla sicurezza, che a nostro parere vanno verificate contestualmente con l'iter del Patto. Ci saremmo perciò aspettati nell' ambito della politica di concertazione da sempre promossa dal sindaco Bianco, di poter dire la nostra al ministro sul Patto e sulla città di Catania, in quanto rappresentanti dei catanesi che lavorano".




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.