Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
luned, 23 ottobre 2017

Pubblicato: 10/03/2017

Catania, ex lavoratori Q in piazza

Manifestazione e sit-in davanti alla prefettura: "Lottiamo contro la cattiva gestione imprenditoriale e politica"

CATANIA - Protesta stamattina delle ex lavoratrici e lavoratori del call center Qè di Paternò davanti alla prefettura di Catania. I manifestanti sollecitano le committente nazionali Inps, Enel, Transcom, Sky e Wind a partecipare al tavolo regionale aperto e sollecitato dal Ministero dello Sviluppo Economico; si tratta di un gruppo di lavoro fortemente voluto da sindacato ed ex dipendenti dove è prevista la presenza di un imprenditore locale disponibile ad avviare un progetto di lavoro potenzialmente efficace.

Per le segreterie e le Rsu di Slc Cgil e Fistel Cisl di Catania, il percorso concordato al Mise con la vice ministro Bellanova e la Regione Sicilia di un tavolo per ricercare soluzioni occupazionali per i circa 600 lavoratori che a dicembre si ritrovano senza occupazione, "sta subendo un rallentamento a nostro parere causato dalla mancanza di responsabilità sociale e lavorativa delle committenti dell'ex azienda Qè. Abbiamo sempre chiesto di riavere le commesse per riprendere un confronto con un imprenditore locale che si è subito reso disponibile ad un progetto industriale e di riqualificazione ed è incomprensibile questo atteggiamento di Enel, Inps, Wind e Sky che non possono rimanere a guardare".

I sindacati hanno nuovamente chiesto alla Prefettura di Catania di intervenire nei confronti delle aziende: "Questa è una lotta di dignità sociale contro la mala gestione imprenditoriale e politica che si annida nel nostro territorio - spiegano i rappresentanti sindacali - Invitiamo il prefetto a una convocazione urgente poiché il tempo a disposizione sta per esaurirsi e i lavoratori a breve non potranno contare su ammortizzatore sociale".




Per commentare l'articolo necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso necessaria la verifica, baster cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.