Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
mercoledý, 26 aprile 2017

Indagini sulla scomparsa dei Maiorana
nuovi accertamenti sulle impronte

Palermo: convocati per la comparazione delle tracce i due indagati accusati di omicidio

PALERMO - Nuove indagini per la scomparsa dei due imprenditori palermitani Antonio e Stefano Maiorana, padre e figlio, spariti il 3 agosto del 2007.

I carabinieri del Roni hanno convocato una serie di persone che hanno rilasciato le impronte digitali da confrontare con quelle scoperte su un reperto sequestrato nell'ambito dell'inchiesta.

Le impronte sono state chieste ai due indagati, accusati di omicidio, il costruttore palermitano Francesco Paolo Alamia e l'imprenditore Giuseppe Di Maggio, e a una serie di soggetti che hanno lavorato nel cantiere edile di Isola delle Femmine in cui i Maiorana stavano realizzando delle villette.

L'inchiesta, condotta dai carabinieri, è coordinata dai Pm Roberto Tartaglia e Francesco Del Bene. I corpi dei due imprenditori, visti per l'ultima volta nel cantiere di Isola delle Femmine, non sono mai stati trovati.

La loro auto, una Smart, venne ritrovata nel parcheggio dell'aeroporto di Punta Raisi, ma dalle indagini emerse che i due non avevano preso alcun volo.

Una messinscena per gli inquirenti che, per anni, hanno cercato di trovare il bandolo di un giallo intricato. L'anno scorso in un pozzo nella zona di Villagrazia, sepolti da metri di materiale edile, vennero ritrovati una scarpa e un sacco sporco di tracce rosse: il Ris ha escluso però che possano essere appartenuti ai Maiorana.







Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.