Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
giovedì, 23 marzo 2017

Pubblicato: 09/03/2017

Incendio doloso, evacuata palazzina

Gela. Le fiamme si sono sprigionate dall'auto di una coppia di imprenditori: è il terzo episodio in pochi mesi

GELA (CALTANISSETTA) - Momenti di panico, all'alba di stamani, per sei famiglie di una palazzina di tre piani, in via Amburgo a Gela, dov'è divampato un incendio dopo che l'automobile di proprietà di una donna di 54 anni, è stata data alle fiamme. La donna è titolare, con il marito settantenne, di una impresa appaltatrice dell'area industriale.

Il rogo si è esteso ad altre due auto che erano parcheggiate davanti e dietro alla vettura presa di mira: una Fiat Palio, andata completamente distrutta come la Punto, e una Mercedes C, di proprietà del deputato regionale del Pd, Giuseppe Arancio, rimasta danneggiata lievemente nella parte anteriore. Gli abitanti della palazzina hanno abbandonato i loro alloggi in preda al panico, anche perché le fiamme hanno a lungo lambito un tubo del metano che serve l'edificio.

Timori per tre anziani che non riuscivano a mettersi in salvo. Ci hanno pensato i vigili del fuoco e il personale del 118 che li ha trasportati in ospedale per le cure necessarie. Le loro condizioni non destano preoccupazione. Sull'episodio indagano polizia e carabinieri. Quello di oggi sarebbe il terzo incendio che i due imprenditori subiscono nell'arco di pochi mesi.




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.