Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
giovedì, 21 settembre 2017

Pubblicato: 06/03/2017

Disabili, Crocetta si muove

Dopo la riunione con i rappresentanti delle Asp siciliane il governatore ha convocato una task force

PALERMO - E' lo stesso presidente della Regione, Rosario Crocetta, a comunicare che si è svolto un incontro sui disabili siciliani. Presenti, oltre al governatore, l'assessore alla Salute Gucciardi, i dirigenti dell'assessorato salute e dell'assessorato famiglia e lavoro, tutti i manager delle Asp regionali.

Nel corso della riunione si è data indicazione alle Asp di avviare i piani individuali di assistenza, che dovranno comprendere non solo quella sanitaria domiciliare ma anche "l'accudienza" sulla base dei livelli di gravità.

"Tale assistenza, in conformità con quanto già realizzato in altre regioni come Emilia Romagna e Lombardia - dice il governo regionale -, dovrà essere basata sulla libera scelta della persona affetta da disabilità o della famiglia, quando il soggetto non possa esprimere la propria volontà".

E' stata convocata per domani la riunione della task force sulla disabilità e nei prossimi giorni la presidenza formalizzerà la proposta alla commissione parlamentare competente. "Preciso che le forme integrative di contribuzione economica per l'assistenza - dice Crocetta - sono previste da tutte le regioni italiane e possono rientrare nei piani individuali di assistenza. In atto, non è stata emanata alcuna direttiva perché il governo intende confrontarsi con tutti i soggetti interessati, al fine di fare un piano il più coerente possibile con le effettive esigenze".




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.