Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
sabato, 22 luglio 2017

Pubblicato: 06/03/2017

"G7, bandi di gara senza trasparenza"

Interrogazione del M5s sulla gestione del summit di Taormina: "Dei tanti progetti annunciati si realizzerà poco e nulla"

PALERMO - "Renzi e Gentiloni hanno ancora una volta preso in giro la Sicilia: il G7 a Taormina da importante vetrina rischia di trasformarsi in uno dei più grossi flop degli ultimi anni". Il deputato M5s Riccardo Nuti, insieme ad altri parlamentari palermitani (Claudia Mannino, Loredana Lupo, Giulia Di Vita e Chiara Di Benedetto), ha presentato un'interrogazione parlamentare rivolta al presidente del Consiglio e al ministro dell'Economia.

"Al di là delle fumose parole - dice - la verità è che dei tanti progetti annunciati, alla fine si realizzerà poco e nulla. Eppure c'è una struttura ad hoc presso Palazzo Chigi che, tra le altre cose, ha fatto incetta di consulenze. Che cosa sta facendo? A quali risultati concreti è giunta? Sono risposte che lo Stato deve fornire a tutti quei cittadini, di Taormina, della Sicilia e d'Italia, che si sentono per l'ennesima volta presi in giro".

"C'è poi - continua - la partita dei bandi di gara: alcuni non sono stati ancora aggiudicati e altri saranno affidati senza bando di gara pubblica. È una vergogna che ogni evento istituzionale, in Italia, debba svolgersi senza la benché minima traccia di trasparenza".

Nell'atto parlamentare si chiede "a quanto ammontano complessivamente le risorse pubbliche, a livello centrale e decentrato, direttamente o indirettamente destinate al G7 di Taormina".

Nuti conclude: "Gentiloni deve uscire dall'imbarazzante silenzio cui l'ha condannato da mesi Renzi, che resta il vero inquilino di Palazzo Chigi. Non è possibile che prima si costruiscano castelli in aria e poi, nel momento della verità, nessuno si assuma le responsabilità del caso".




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.