Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
sabato, 22 luglio 2017

Pubblicato: 04/03/2017

"Basta Bianco, riprendiamoci Catania"

I parlamentari etnei del M5s lanciano una conferenza sulle condizioni della cittā: "Voragine di bilancio, partecipate e rifiuti, bisogna fermare il caos"

CATANIA - “Basta Bianco! Riprendiamoci la città” sarà il tema della conferenza stampa del 6 marzo a cui parteciperanno i parlamentari catanesi del Movimento 5 stelle Ornella Bertorotta, Nunzia Catalfo, Mario Giarrusso, Giulia Grillo e Gianina Ciancio. "Catania è allo sfascio - dicono -, ostaggio di un’amministrazione incapace e inefficiente, guidata in modo personalistico da un sindaco che sfugge alle proprie responsabilità e che ha come obiettivo primario la promozione di se stesso. Un sindaco che non rispetta lo statuto comunale e che relazionerà sull’attuazione del suo programma dopo quasi quattro anni di mandato, solo perché 'costretto' da 23 consiglieri".

Nel corso dell’incontro, che si terrà alle 10 in piazza Santa Maria della Guardia, si discuterà "delle gravi inadempienze e delle ombre che pesano sull’operato dell’amministrazione: dall’affaire Pua-porto-interporto alla voragine del bilancio, dalla gestione delle partecipate al caos cartellonistica e raccolta dei rifiuti. Si affronteranno anche temi relativi al degrado del centro storico, alle anomalie dell’ufficio stampa comunale e allo spregiudicato ricorso alle consulenze esterne".

I portavoce forniranno, inoltre, "un dettagliato resoconto della loro attività parlamentare e illustreranno le proposte del M5s per la rinascita della città di Catania".




Per commentare l'articolo č necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, č possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso č necessaria la verifica, basterā cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.