Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
sabato, 19 agosto 2017

Pubblicato: 28/02/2017

Crollo palazzina, c'è un indagato

Esplosione in via Crispi. Nel mirino della Procura di Catania il sessantenne rimasto ustionato: l'ipotesi è di disastro e omicidio colposi

CATANIA - Nell'ambito di accertamenti tecnici irripetibili per l'inchiesta sul crollo della palazzina di tre piani in via Crispi, avvenuto nella notte tra il 25 e il 26 febbraio scorso, la Procura di Catania si avvia a iscrivere nel registro degli indagati, come atto dovuto, uno dei sopravvissuti.

E' il sessantenne ricoverato nel reparto di rianimazione dell'ospedale Civico di Palermo con la prognosi riservata per ustioni sul 15% del corpo, in particolare alle mani e alla testa. I reati ipotizzati dal procuratore Carmelo Zuccaro sono disastro e omicidio colposi, per il crollo della palazzina e la morte dell'85enne che abitava al secondo piano.

Le indagini puntano ad accertare eventuali responsabilità dirette o indirette nell'esplosione che ha causato una vittima e quattro feriti, due dei quali, l'indagato e una bimba di 10 mesi, in maniera grave.

Tra gli accertamenti, che avranno valore anche come incidente probatorio, potrebbe non esserci l'autopsia, se l'esame medico legale esterno sarà ritenuto sufficiente.




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.