Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
domenica, 28 maggio 2017

I commissari sono scaduti
ex Province siciliane nel caos

Nessuna proroga o nuova nomina dal governo regionale: per 6 liberi consorzi comunali è stallo amministrativo

PALERMO - I commissari straordinari dei 6 liberi consorzi comunali sono scaduti il 26 febbraio e il governo regionale siciliano non ha proceduto alla riconferma degli uscenti o alla nomina dei nuovi. Un'impasse che blocca l'attività amministrativa delle ex Province che di fatto non hanno al momento alcun legale rappresentante.

Diverso il discorso per le città metropolitane di Palermo, Catania e Messina, rette invece dai sindaci dei comuni capoluogo: in questi tre enti sono scaduti i commissari dei consigli metropolitani.

Per le ex province si sarebbe dovuto votare e procedere all'elezione dei nuovi organi entro il 26 febbraio 2017 ma la legge n. 2 del 26 gennaio 2017 votata dall'Assemblea regionale siciliana ha prorogato il commissariamento degli enti sino al 31 dicembre 2017. Il governo Crocetta a distanza di un mese dall'approvazione della legge non ha proceduto alla nomina dei commissari straordinari lasciando le ex Province nel caos amministrativo.




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.