Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
giovedì, 27 aprile 2017

Anche a Catania il Pd contro il Pd
"E' stato impedito il tesseramento"

I deputati democratici Sudano e Sammartino: "Gravi irregolarità nella due giorni dedicata alle iscrizioni. Gazebo e circoli sono rimasti chiusi"

CATANIA - I deputati regionali del Pd Luca Sammartino e Valeria Sudano denunciano "gravi irregolarità" nella due giorni dedicata al tesseramento nel Pd catanese. “Fra ieri e oggi - raccontano - centinaia di persone si sono presentate nei circoli e nei gazebo allestiti dal Partito democratico per permettere il tesseramento ma sono rimasti alla porta. Nonostante le code, gazebo e circoli sono rimasti chiusi o sono stati chiusi ampiamente prima degli orari stabiliti”.

Tra ieri e oggi il Pd catanese aveva predisposto l'apertura dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 20. "Ma così non è stato - spiegano i due deputati -. Non conosciamo il motivo di questa scelta antidemocratica e contro la gente ma baroni, notabili e signori delle tessere sono letteralmente ‘scappati col pallone’ come succedeva da ragazzi quando il proprietario del pallone non gradiva il risultato della partita. Questa volta il pallone sono le tessere del Pd. Di fatto è stato impedito il confronto democratico. Il partito a Catania non vuole tornare nelle piazze e fra la gente ma restare chiuso nelle stanze del suo presunto potere comodo e rilassato al calduccio”.




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.