Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
domenica, 28 maggio 2017

Pubblicato: 25/02/2017

Disabili in Sicilia, scatta l'indagine

Numeri anomali nel report dell'assessorato alla Famiglia, Crocetta apre un'istruttoria. A Giarre +3.500% di casi in due anni. I DATI

PALERMO - A Licata, nella provincia di Agrigento, che conta 61mila abitanti ci sono 144 disabili gravissimi, quasi il 30% in più di quelli registrati a Palermo, dove i casi sono 102 nonostante una popolazione di 770 mila abitanti, e a Catania (376mila abitanti) con 133 persone in gravi condizioni. E se a Gela (Cl) non ci sarebbe neppure un disabile su 120 mila abitanti, a Partinico (Pa), che di residenti ne ha 75mila, i casi gravissimi sono 151.

Non solo. A Giarre (Ct) in due anni i casi sono aumentati del 3.500 per cento, a Partinico del 978,6 per cento, a Bivona (Ag) del 640 per cento, a Mazara del Vallo (Tp) del 512,5 per cento, a Messina del 400 per cento. Su questi numeri del dipartimento Famiglia della Regione siciliana, il governo di Rosario Crocetta ha deciso di aprire una istruttoria per fare luce su quelle che considera presunte anomalie alla luce di dati disomogenei.

I dati in possesso dell'assessorato, trasmessi dai distretti socio-sanitari e dai comuni, si riferiscono agli anni dal 2013 al 2015. Ogni distretto raggruppa più comuni. Dunque la popolazione complessiva, indicata in poco più di 5 milioni, fa parte del totale dei 55 distretti in Sicilia che raggruppano i 390 comuni dell'isola. Il distretto di Gela per esempio, comprende i comuni di Gela, Niscemi e Mazarino.

Il governatore, che ha la delega alla Famiglia dopo le dimissioni dell'ex assessore Gianluca Miccichè sull'onda delle polemiche per i servizi delle Iene sul caso dei fratelli Pellegrino lasciati 8 ore a fare anticamera in portineria, ha acquisito il report nel tentativo di mettere ordine nel sistema, che è finanziato con fondi pubblici.

In totale le persone con disabilità gravissima in Sicilia, secondo le tabelle assessoriali aggiornate al 2015, sono 3.682, con un aumento del 67,1 per cento rispetto al 2014 e del 130,4 per cento rispetto al 2013.

In 50 distretti su 55 il numero dei disabili con patologie gravissime è cresciuto, in molti casi è raddoppiato e in altri triplicato; solo in 5 distretti il tasso di disabilità è diminuito dal 2013 al 2015: Gela (Cl) zero (22 casi nel 2013), Caltagirone (Ct) -8,8 per cento (da 34 a 31 casi), Termini Imerese (Pa) -42,2 per cento (da 45 a 26), Bagheria (Pa) -30 per cento (da 40 a 28).

A Giarre (Ct), quasi 87 mila abitanti, in due anni il numero dei disabili gravissimi è salito da 2 a 72 con l'incremento più alto in Sicilia: +3.500 per cento. Il numero più alto di casi viene registrato a Siracusa: 160. Seguono Partinico con 151, Caltagirone con 147, Licata con 144. A Misilmeri (Pa), 56mila abitanti, sono 110, stesso numero a Messina (110) con 280mila residenti, mentre a Noto (Sr), 103mila abitanti, i casi sono 20.

Secondo i dati, è il distretto socio-sanitario di Agrigento quello dove si registra il più alto numero di disabilità gravissima in Sicilia: 323 casi nel 2015, il 23,1 per cento in più rispetto all'anno precedente. A Palermo, che rispetto ad Agrigento ha una popolazione sette volte superiore, i casi sono 102 (+100%). Il dettaglio dei capoluoghi di provincia: Caltanissetta 80 (+116,2%), Catania 113 (+205,4%), Enna 76 (+33,3%), Messina 110 (+307,4%), Ragusa 115 (+62%), Siracusa 160 (+0,6%), Trapani 82 casi (+9,3%).

"Si tratta di dati che dobbiamo verificare e abbiamo già dato mandato alle Asp di farlo. Se dovessimo accertare numeri gonfiati è chiaro che chiederemo il conto a chi ce li ha forniti. Al momento abbiamo il sospetto che qualche Comune invece di pensare all'assistenza di cittadini con gravi diversabilità pensi alle cooperative che gestiscono i servizi", ha detto Crocetta. 

"Per noi è inammissibile - dice Crocetta - che soggetti con diversabilità gravissime non vengano presi in carico e magari l'assistenza viene data a chi non ne ha diritto, ledendo gravemente i diritti dei veri bisognosi. Certo, non possono cambiare i dati in modo così rilevante di anno in anno, non può essere che ad Agrigento, capitale della 104 in Italia, ci siano 323 disabili gravi e a Palermo, che ha un numero di abitanti sette volte maggiore, siano 102".

Crocetta aggiunge: "Dai dati si evince una mappatura che potrebbe persino essere arbitraria da parte dei comuni, noi intendiamo fare subito chiarezza per garantire i diritti a chi ne ha veramente bisogno".

"Chi usufruisce di un diritto rubato ad altri non è responsabile nei confronti dello Stato - sostiene il governatore - ma delle famiglie e delle persone con disabilità. Vogliamo arrivare a un sistema giusto, equo e trasparente di assistenza. Stiamo andando verso il principio dell'assistenza diretta al disabile, un sistema che andrà a integrare gli altri servizi. I dati che vengono fuori oggi dimostrano la complessità del fenomeno. Da quando ho preso la delega alla Famiglia mi sto occupando concretamente e con efficacia del settore. Come è noto gli assessorati funzionano come i ministeri, con piena delega: mi assumo dunque la responsabilità politica di ciò che non è stato fatto ma non certamente quella morale che è personale".




Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.