Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
domenica, 26 marzo 2017

Depressione: trecento milioni di pazienti nel mondo

Nuccio Sciacca / 
I recenti dati dell'Oms segnalano una crescita del 18% nell’ultimo decennio

Un pianeta nella morsa della depressione. Il numero di persone depresse nel mondo è salito del 18% nell'ultimo decennio, arrivando a 322 milioni di persone. Lo segnala l'Organizzazione mondiale della sanità, sollecitando una maggiore attenzione nei confronti dei gruppi di persone ad alto rischio.

La crescita della depressione tra il 2005 e il 2015 non è legata solo all'aumento della popolazione mondiale, ma anche a quello dell'aspettativa di vita, segnala l'agenzia delle Nazioni Unite.

Il rischio di incappare in questa patologia, infatti, aumenta nelle fasi più avanzate della vita. In media il 5,1% delle donne e il 3,6% degli uomini è depresso, ma i tassi fra gli anziani salgono a circa il 7,5% nelle prime e il 5,5% tra i secondi. Ma le persone avanti negli anni non sono le sole meritevoli di particolare attenzione.

E' importante intervenire anche nei confronti dei giovani, delle donne in attesa e delle neomamme, spiega l'autore dello studio, Dan Chisholm, ai giornalisti a Ginevra. E dal momento che le pressioni sociali sui bambini sono aumentate, gli insegnanti e gli psicologi dovrebbero - secondo gli esperti - insegnare loro strategie di difesa contro la depressione.

Anche perché la depressione incide pesantemente sulla qualità della vita delle persone ed è responsabile del 7,5% degli anni di disabilità globale. Il pericolo di incappare in questa patologia aumenta infine in caso di povertà, disoccupazione, perdita di una persona amata, malattia fisica e abuso di sostanze.




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.