Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
lunedì, 25 settembre 2017

Le catanesi del M5s attaccano Bianco
"La città è a un passo dal dissesto"

Le deputate Grillo, Catalfo e Ciancio lanciano l'offensiva da Camera, Senato e Ars: "La Corte dei conti inchioda la giunta"

CATANIA - - "I rilievi della Corte dei conti inchiodano la giunta Bianco tanto da ritenere sussistenti i presupposti del dissesto". Così la deputata alla Camera del Movimento 5 stelle Giulia Grillo interroga il ministero dell'Interno e quello all'Economia.

La parlamentare 5 stelle chiede quali elementi voglia fornire il governo in relazione alla situazione contabile e finanziaria del Comune di Catania, e quindi che venga data corretta informazione a tutti i cittadini.

E la deputata catanese all'Ars Gianina Ciancio, rivolgendosi all'assessorato Enti locali, chiede anche l'intervento della Regione. "Un ex assessore al Bilancio indagato per tentata concussione aggravata; un altro assessore, stesso ramo, dimessosi un paio di settimane fa - dice Ciancio -. Tale condizione di incertezza e discontinuità ha pesato e pesa enormemente sull'amministrazione locale già impegnata nel piano di riequilibrio finanziario".

"Il sindaco Bianco - conclude la senatrice del M5s Nunzia Catalfo - chiarisca immediatamente qual è la situazione del bilancio del Comune di Catania e si esca da questo limbo il prima possibile". O Bianco fa il miracolo, cosa che francamente dubitiamo, o Catania pagherà cara la sua amministrazione".




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.