Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
martedì, 21 novembre 2017

Pubblicato: 18/02/2017

"In Europa con merito"

Conclusa l'iniziativa dell'eurodeputato Salvo Pogliese: presentati davanti al rettore dell'università di Catania i vincitori dello stage al Parlamento Ue

CATANIA - Ecco i numeri: 203 domande di partecipazione, prova scritta svoltasi in contemporanea a Catania, Palermo e Cagliari, colloqui via Skype per gli ammessi alla prova orale. “In Europa… con merito!” lo stage al Parlamento europeo destinato ai giovani laureati siciliani e sardi ideato dall’on. Salvo Pogliese, europarlamentare di FI-PPE, ha segnato la fase conclusiva quest’oggi in conferenza stampa presso la facoltà di Scienze politiche di Catania, alla presenza del prof. Francesco Basile, Rettore dell’Università degli Studi etnea, ha presentato i 6 giovani vincitori delle selezioni.

"È un'iniziativa mai realizzata al Parlamento europeo - ha spiegato Pogliese -. Ho voluto finanziarie con mie risorse personali un progetto originale per dare l’opportunità a giovani laureati siciliani e sardi di poter vivere un’esperienza professionalmente qualificante, e retribuita mille euro al mese, all’interno del Parlamento di Bruxelles. Abbiamo puntato fortemente sul merito, con una rigida selezione in base a titoli e conoscenze saggiate con prove scritte e orali effettuata da docenti universitari, che ringrazio per la disponibilità dimostrata. Ritengo che all’interno di un contesto di disoccupazione giovanile pari al 56% in Sicilia - ha detto il parlamentare europeo - sia un segnale in controtendenza dare questa piccola, ma qualificante, opportunità ai giovani della nostra terra. È giusto che i politici abbiano un rapporto fiduciario con i propri assistenti, ma è altrettanto giusto dare un'opportunità - a chi non si inquadra all’interno di una struttura politica - di vivere un’esperienza che può essere formativa e propedeutica per un nuovo percorso lavorativo".

“L'iniziativa organizzata dall'on. Pogliese è assolutamente meritoria e ho subito voluto abbracciarla – ha dichiarato il prof. Basile – perché crea un ponte tra il mondo universitario e quello del lavoro permettendo a giovani laureati, alcuni anche da pochissimo tempo, di vivere un'esperienza lavorativa altamente qualificante in un'istituzione importante come il Parlamento europeo".

Questi i nominativi dei 6 giovani laureati che svolgeranno uno stage al Parlamento europeo presso gli uffici di Bruxelles dell’on. Pogliese: Nancy Cannizzo, 24 anni laurea in Giurisprudenza, Giulia Colavecchio, 29 anni laurea in Relazioni Internazionali e Studi Europei, Nicoletta Di Noto, 27 anni laurea in Global Politics and Euro-Mediterranean Relations, Alessio Pantorno, 28 anni laurea in Global Politics and Euro-Mediterranean Relations, Diego Pappalardo, 25 anni laurea triennale in Relazioni Internazionali, e Lucia Pasquale, 22 anni laurea triennale in Storia e Scienze Politiche e delle Relazioni Internazionali.

Alla conferenza stampa, oltre all’on. Salvo Pogliese, al Magnifico Rettore dell’Università di Catania prof. Francesco Basile, e i sei giovani vincitori dello stage, erano presenti il dott. Carmelo Pappalardo, direttore del Centro Orientamento e Formazione (C.O.F.) di Unict, i professori della facoltà di Scienze Politiche dell’Università di Catania, che hanno curato la selezione degli stagisti, Francesca Longo, docente di Politiche Pubbliche dell’Unione Europea, Stefania Panebianco, docente di Politica dell’Unione Europea, Dario Pettinato, docente di Diritto internazionale del commercio e diritto internazionale privato, e il coordinatore regionale di Forza Italia Giovani Dario Moscato.




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.