Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
lunedý, 22 maggio 2017

Pubblicato: 16/02/2017

Estorsione imprenditore, un fermo

Minacce a una ditta edile del Catanese che stava eseguendo lavori a Centuripe: incastrato esponente del clan Santangelo di Adrano

ENNA - Un uomo di 30 anni di Adrano (Catania), Salvatore Crimi, è stato fermato dai carabinieri dei comandi provinciale di Enna e Catania, coordinati della Dda di Caltanissetta, perché avrebbe minacciato un imprenditore edile del Catanese, che stava eseguendo lavori a Centuripe, affinché mettesse a disposizione del clan Santangelo di Adrano i propri mezzi, pena gravi ritorsioni.

L'uomo è accusato di estorsione aggravata e continuata in concorso con l'aggravante di avere agito con metodo mafioso per agevolare il clan Santangelo, collegato alla famiglia Santapaola di Catania.

L'indagine è stata avviata nel dicembre 2016 dai carabinieri della compagnia di Nicosia. Il 5 gennaio scorso nell'ambito della stessa indagine i carabinieri di Nicosia, dopo una serie di pedinamenti e servizi di osservazione, avevano arrestato in flagranza di reato un 29enne, Antonino D'Agate e Giuseppe Verzì, di 39, ritenuti gli esecutori materiali dell'estorsione, coloro cioè che sarebbero stati incaricati da Crimi di prelevare i mezzi della ditta vittima dell'estorsione.

I due furono bloccati dopo un lungo pedinamento nei pressi della zona commerciale di Misterbianco, mentre si trovavano alla guida di un camion sottratto poco prima all'imprenditore. In quella circostanza gli arresti furono convalidati dalla Procura della Repubblica di Catania che trasmise gli atti per competenza a quella di Enna non essendo ancora chiara la matrice mafiosa del reato.

Crimi è stato rinchiuso nella Casa Circondariale di Catania Bicocca. D'Agate il Verzì, raggiunti da una ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip di Enna, dopo una pronuncia del Tribunale del Riesame di Caltanissetta intervenuta prima della contestazione dell'aggravante della matrice mafiosa del reato, sono stati posti agli arresti domiciliari.




Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.