Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
giovedì, 30 marzo 2017

Pubblicato: 16/02/2017

Accorinti resta sindaco di Messina

Non passa la mozione di sfiducia: decisiva l'astensione di quasi tutti i consiglieri vicini al deputato Genovese

MESSINA - Renato Accorinti resta il sindaco di Messina. Con 23 voti favorevoli, dieci contrari e 5 astenuti non passa infatti la mozione di sfiducia al primo cittadino discussa in consiglio comunale. Dopo una seduta fiume durata quasi dieci ore, alle 3.33 di notte è avvenuta la votazione della mozione che non ha raccolto i 27 voti necessari per sfiduciare il sindaco.

La notizia è stata accolta con grande soddisfazione dai cittadini vicini ad Accorinti presenti in consiglio comunale. A far pendere la bilancia a favore del sindaco l'astensione di quasi tutti i consiglieri vicini al deputato nazionale di Fi Francantonio Genovese, l'ex segretario regionale del Pd condannato di recente per la vicenda dei "corsi d'oro" della formazione professionale.

Anche la presidente del Consiglio, Emilia Barrile, vicina a Genovese, si è astenuta. Soddisfazione, invece, tra i consiglieri del Movimento Cambiamo Messina dal Basso, che sostiene il sindaco: "Siamo contenti - ha dichiarato la capogruppo Lucy Fenech - perché per un altro anno e mezzo la città avrà il suo sindaco, quello che ha scelto tre anni e sei mesi fa a larga maggioranza".

Emerge anche una spaccatura all'interno del Partito Democratico: la capogruppo Antonella Russo si è pronunciata a favore della mozione, ma ha dovuto incassare il no degli altri tre compagni di partito.




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.