Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
mercoledý, 26 aprile 2017

Blitz antidroga a Giarre, otto arresti
Nella banda pusher minorenni

Le rapine servivano per ripianare i debiti dopo i sequestri delle forze dell'ordine. I NOMI

CATANIA - Una banda che gestiva una fiorente attività di vendita di cocaina, marijuana ed eroina nella zona di Giarre è stata sgominata da un'operazione dei carabinieri della locale compagnia, coordinata dalla Procura distrettuale di Catania, con l'esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare per otto indagati, sette in carcere e uno ai domiciliari. Il reato ipotizzato è di associazione per delinquere finalizzata al traffico e allo spaccio di sostanze stupefacenti.

Secondo le indagini, il gruppo si serviva di spacciatori minorenni, intimando ai pusher al dettaglio di commettere rapine per ripianare eventuali debiti contratti nell'attività illecita o con sequestri eseguiti dalle forze dell'ordine.

L'inchiesta, oltre a definire la struttura, le posizioni di vertice e i ruoli dei componenti della banda, ha permesso di ricostruire il sistema con cui era gestita l'attività di spaccio, individuando le modalità di approvvigionamento, custodia e cessione della sostanza stupefacente, la cassa comune e i depositi a cui attingere quotidianamente.

Nel tempo, nell'ambito dell'indagine, sono state arrestate 11 persone e denunciate sei, sono state sequestrati 21 kg di marijuana, 100 grammi di cocaina, 14 grammi di eroina e individuare 40 assuntori segnalati al Prefetto di Catania. Nell'esecuzione dell'ordinanza sono impegnati carabinieri della Compagnia Carabinieri di Giarre, supportati dalla Compagnia di Intervento Operativo del 12/o Battaglione "Sicilia" e dal 12/o Nucleo Elicotteri.

GLI ARRESTATI. In manette nell'operazione antidroga "Bingo" della Procura di Catania sono Alfio Bonarrigo, di 29 anni, Giuseppe Biondi, di 28, Leonardo Cardillo, di 22, Alessandro Liotta, di 41, Fabio Alfio Pagano, di 35, Tiziano Russo, di 24, che era ai domiciliari ed è stato condotto in carcere. Il provvedimento è stato notificato nell'istituto penitenziario di Giarre a Salvatore Platania, 36 anni, già detenuto. Agli arresti domiciliari è stato posto Salvo Calì, di 24 anni.




Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.