Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
lunedì, 27 marzo 2017

Pubblicato: 15/02/2017

Ottagono irregolare

Controlli e multe nel bar di Mascalucia: distrutti due chili di calamari privi di tracciabilità. Il titolare: "Piccole sviste, ma nessun appunto su oltre mille prodotti"

CATANIA - Nuovi controlli di polizia e Asp, nel mirino locali nella zona di Mascalucia. Al Bar "Ottagono" in corso San Vito all’interno di un congelatore è stata trovata una notevole quantità di prodotti surgelati all’origine e contenuti in buste con etichetta e data di scadenza. Da un controllo nei menù e nel registro degli ingredienti in visione dei clienti, questi alimenti surgelati ed elencati non risultavano indicati in nessun documento.

Per tale motivo il titolare è stato indagato per frode nell’esercizio del commercio. All’interno di un altro frigorifero sono stati trovati due chili di calamari surgelati contenuti all’interno di una confezione trasparente, priva di etichetta e di cui il titolare non era in grado di indicare la tracciabilità: il personale dell’Asp ha proceduto alla distruzione del prodotto.

Inoltre è stata accertata una insufficiente idoneità dei requisiti igienico-strutturali a carico dei servizi igienici riservati al personale, insufficienti condizioni di ordine e pulizia relativamente all’allocazione di utensili e contenitori per alimenti e sporcizia nelle zone sottostanti agli impianti (frigo e zona cottura).

Scattate le multe per il titolare, che fornisce la sua versione: "Nessun rilievo è stato mosso dalle autorità sulla conservazione sulla tracciabilità di tutti gli oltre mille prodotti presenti nel laboratorio e nel magazzino. Nessun prodotto finito è stato rilevato surgelato. Gli appunti riguardano solo i calamari, che seppur in ottimo stato di conservazione, erano privi delle informazioni di tracciabilità in quanto spacchettati dall'imballaggio originario. Non è stata ritenuta sufficiente la fattura di acquisto. Per quanto riguarda la pulizia, su una superficie complessiva di 300 mq è stata notata esclusivamente sotto un impianto frigo e in una zona cottura. I locali vengono costantemente puliti da due dipendenti, ma l'ispezione è avvenuta nelle ore di massimo sforzo lavorativo. Infine per quanto riguarda la frode in commercio, si tratta di un mero errore di stampa sul menù".

Il secondo controllo ha riguardato il Bar "Canadian" dove i funzionari dell’Asp hanno soltanto prescritto al titolare l’eliminazione di alcune inadeguatezze rilevate entro 15 giorni.

Nei giorni scorsi, sempre il personale del Commissariato Borgo Ognina ha denunciato in stato di libertà R.G., itolare dell’attività di ristorazione "Gastronomia da Filippo" di via Umberto, a Catania, per furto di energia.




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.