Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
martedì, 28 marzo 2017

Pubblicato: 14/02/2017

"Gela non può morire"

Smantellamento della raffineria Eni, Crocetta chiede la convocazione di un vertice urgente a Roma

PALERMO - "Gela non può morire". Questo il senso della lettera inviata dal Presidente della Regione Rosario Crocetta ai ministeri competenti sulla situazione che sta vivendo la città di Gela sul fronte occupazionale e ambientale, in seguito allo smantellamento della raffineria Eni.

"Ci saremmo aspettati - scrive Crocetta - che il progetto di smantellamento degli impianti esistenti di una raffineria basata sul petrolio avvenisse in modo più graduale, nel senso che, a mano a mano che si avviavano i nuovi impianti si chiudevano quelli obsoleti".

E aggiunge: "Bisogna immediatamente prevedere un piano dettagliato di interventi da avviare immediatamente per liberare la città da scheletri industriali inutili e offensivi del paesaggio e avviare quel risanamento delle aree che possa consentire nuovi insediamenti produttivi".

Per queste ragioni il presidente ha richiesto la convocazione di un vertice urgente a Roma con tutti i soggetti interessati.




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.