Catania piena di prostitute"" /> Catania piena di prostitute""> "Ma quali ordinanze e controlli <br>Catania piena di prostitute"
Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
domenica, 24 settembre 2017

"Ma quali ordinanze e controlli
Catania piena di prostitute"

La denuncia di un consigliere di quartiere: "Cala il buio e San Nullo, Trappeto Nord e Cibali si popolano"

CATANIA - "Più controlli, più repressione, più restrizioni… E poi? Le ordinanze antiprostituzione a Catania cadono nel vuoto. Una questione che nella IV municipalità ha risvolti drammatici con decine di ragazze in piena attività, appena si fa buio, lungo la circonvallazione con spiazzi e slarghi a San Nullo, Trappeto Nord e Cibali che si trasformano in alcove per il sesso a pagamento". Il consigliere di quartiere Erio Buceti riporta l'attenzione sul "potenziamento dei controlli nelle zone maggiormente a rischio. Luoghi che spesso non sono appartati ma si trovano a pochi metri dalle abitazioni con i cittadini costretti ad ammirare uno spettacolo indegno e penoso".

In particolare secondo Buceti "ci vogliono agenti e pattuglie che non mirino solo ed esclusivamente a controllare e condannare le donne, che troppo spesso sono semplici vittime dei loro aguzzini, ma servano a punire in modo esemplare i clienti che alimentano questo torbido mercato che non conosce crisi di sorta. Nel nostro territorio la zona al centro delle segnalazioni dei cittadini è il viale Fratelli Vivaldi a pochi passi da via Villafranca. Qui appena si fa buio la situazione che va avanti per settimane è sempre la stessa. Le prostitute attirano i clienti, le auto si fermano e fanno salire le ragazze a bordo per appartarsi poi nella vicina via Galermo, nelle stradine di Cibali oppure all’interno del parcheggio davanti alla piscina di Nesima. La conseguenza inevitabile è che il mattino seguente le madri che accompagnano i figli a scuola oppure la gente che va a lavorare si ritrova strade e aiuole piene di fazzolettini e preservativi senza considerare la paura e il disagio di chi, invece, rincasa la sera prima".




Per commentare l'articolo necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso necessaria la verifica, baster cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.