Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
venerdì, 21 luglio 2017

Gettonopoli a Catania, proposte M5s
"I cittadini vengano in Consiglio"

Dopo la petizione approda in aula la discussione sul regolamento delle commissioni: "Ci costano milioni di euro e i politici le abbandonano dopo 2 minuti"

CATANIA - Approda al Consiglio comunale di Catania la discussione sulla proposta del M5s di modifica del regolamento sulle Commissioni consiliari permanenti. L’appuntamento è per martedì prossimo alle ore 19, a Palazzo degli Elefanti.

"L’esplosione del caso Gettonopoli, nato da un dossier che abbiamo presentato alla stampa - spiega il Movimento 5 stelle di Catania - ha acceso i riflettori sugli esagerati costi delle attività delle dodici commissioni, che solo nel 2014 hanno gravato per più di un milione di euro sulle tasche dei cittadini, e su alcune presenze lampo (pur consentite dall’attuale normativa) di pochissimi minuti, anche due o cinque, di consiglieri alle sedute".

Secondo i 5 stelle "è un atto dovuto e di buon senso, soprattutto in questo momento di forte crisi economica in cui versa la città, razionalizzare le spese, evitando gli sprechi, e garantire reale partecipazione ai lavori delle commissioni".

Ma cosa propone il M5s? "Solo piccole modifiche, semplici da attuare. Qualche esempio? Riduzione (ed eventuale accorpamento) del numero delle commissioni e dei consiglieri che ne fanno parte (attualmente sono undici per commissione); durata delle sedute non inferiore a 45 minuti; corresponsione del gettone (solo uno al giorno) limitata alla presenza ad almeno due terzi della riunione".

I 5 stelle chiedono quindi "che le richieste nostre e delle centinaia di persone che hanno sottoscritto la petizione siano accettate. Invitiamo i cittadini a essere presenti alla seduta del Consiglio comunale. La partecipazione attiva e il controllo, con un costante fiato su collo, sulle attività dell’amministrazione sono la migliore garanzia per un buon governo".




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.