Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
mercoledý, 26 luglio 2017

Pubblicato: 10/02/2017

Il Muos resta dissequestrato

La Cassazione respinge il ricorso della Procura di Catania: niente sigilli a Niscemi

CATANIA - Resta dissequestrato il Muos, la stazione di trasmissione militare Usa realizzato nel sughereto di Niscemi (Caltanissetta). Lo ha deciso la terza sezione della Cassazione che ha rigettato il ricorso presentato dalla Procura di Catania, competente per legge, contro la decisione della quinta sezione del Tribunale del riesame che il 5 agosto scorso ha disposto di togliere i sigilli alla struttura.

La Suprema corte ha invece giudicato inammissibile il ricorso avanzato dalla Procura di Caltagirone, che aveva avviato l'inchiesta. I giudici del riesame avevano accolto la tesi dell'avvocatura dello Stato, in rappresentanza del ministero della Difesa, che aveva presentato ricorso la decisione del 6 giugno scorso del tribunale di Caltagirone di mantenere i sigilli alla struttura.

Il Tribunale del riesame di Catania ha ritenuto di "non potere prescindere dalla valutazioni" del Consiglio di giustizia amministrativa che il 6 maggio scorso ha accolto la richiesta del ministero della Difesa e dichiarato inammissibile l'appello incidentale proposto da Legambiente sui procedimenti amministrativi riguardanti la realizzazione della stazione di trasmissioni militare statunitense Muos di Niscemi.

Per il Tribunale del riesame "non ci sono vizi negli atti amministrativi" e di questo "i giudici penali non possono non tenere conto". I giudici di Catania avevano acquisito integralmente la 'verificazione sull'impianto' su eventuali danni alla salute delle persone disposto dal Consiglio di giustizia amministrativa (Cga). Sostanzialmente per i Tribunale del riesame le autorizzazioni per realizzare l'opera erano legittime e il Muos non è più abusivo e quindi ha disposto "la revoca del decreto di sequestro emesso il 31 marzo del 2015 dal gip di Caltagirone e la restituzione del Muos al ministero della Difesa".




Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.